Friday, Dec. 15, 2017

Dieta ipercalorica: come ritrovare il giusto peso

Pubblicato da :

|

February 15, 2017

|

in:

Dieta ipercalorica: come ritrovare il giusto peso

La parola dieta non deve alludere solamente alla perdita di peso ma deve far riferimento ad un vero e proprio stile di vita, esistono infatti non solo le diete ipocaloriche ma anche quelle ipercaloriche. Queste ultime mirano a ripristinare il peso nei soggetti malnutriti o considerati in sottopeso, ad apportare maggiori energie, nutrienti ed acqua. Non bisogna però cadere nel grave errore di pensare che una dieta ipercalorica sia una dieta per ingrassare fai da te. Tutt’altro, infatti.

Dieta ipercalorica: che cos’è?

L’ eccessiva magrezza, cui tende a combattere un regime alimentare ipercalorico, può avere diverse cause ed essere sia patologica che costituzionale. Nel primo caso bisogna dapprima risolvere la patologia che costituisce la causa della magrezza, e poi affiancare ad un piano alimentare ipercalorico un supporto psicologico e un’adeguata attività sportiva. Nel secondo caso invece è necessario associare alla dieta ipercalorica l’attività fisica. Per combattere l’eccessiva magrezza è ovviamente errato credere di poter ingurgitare ogni tipo di alimento ipercalorico, bisogna infatti assumere calorie sempre provenienti da cibi salutari, e praticare un’attività fisica che favorirà l’incremento dell’appetito.

Dieta ipercalorica: serve equilibrio tra gli alimenti

Una dieta ipercalorica fornisce dunque maggiori nutrienti rispetto ad una ipocalorica e, per tale motivo, anch’essa deve ispirarsi ad alcuni principi essenziali. Diventa importante dunque mantenere il giusto equilibrio tra lipidi, proteine e glucidi, assumere il giusto quantitativo di vitamine e sali minerali e limitare l’assunzione di alcuni nutrienti in caso di ipercolesterolemia o diabete. Anche nel caso delle diete ipercaloriche è fondamentale effettuare 5-6 pasti al giorno.

Per impostare una dieta ipercalorica è sufficiente seguire l’impostazione di una normo-calorica ma con un surplus energetico del 10%, adeguare l’apporto proteico alle diverse necessità e scegliere alimenti adeguati al raggiungimento dei fabbisogni segnalati, come ferro, calcio, ecc.

Bisogna inoltre chiarire che la dieta ipercalorica deve essere eseguita non per un lungo periodo, ma solo ed esclusivamente per il tempo necessario a ripristinare il normopeso.

Solo nel caso in cui un soggetto abbia difficoltà a seguire un regime alimentare ipercalorico, è possibile ricorrere ad alcuni integratori alimentari preferendo però, a quelli proteici, prodotti composti per lo più da vitamine e sali minerali, che riescono a fornire il giusto quantitativo sia di carboidrati che di proteine.

Clicca per il VIDEO “Dr.ssa Ilaria Verderame – Dieta Ipercalorica: recuperare peso in salute” 

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Carne di bufala: qualità eccellenti
Abbronzatura: quale dieta?
Tatuaggi all’hennè? Attenti alla para-fenilendiammina (PPD)

Due parole sull'autore

Mariailaria Verderame

Mariailaria Verderame si è laureata con lode in Scienze Biologiche presso l’Università Federico II di Napoli e ha successivamente conseguito i titoli di Dottore di ricerca in Biologia avanzata e Cultore della materia per il Settore Scientifico Disciplinare BIO/06. Ha collaborato all’attività didattico-scientifica presso il Dipartimento delle Scienze biologiche della suddetta Università. L’interesse scientifico è da anni incentrato sulle problematiche relative alle interferenze alimentari di inquinanti ambientali ad azione xeno-estrogenica sulla sfera riproduttiva. Si è inoltre occupata della valutazione dello stato nutrizionale e riproduttivo a seguito di un regime alimentare di tipo biologico ricevendo un assegno di ricerca nell’ambito delle reti di eccellenze TEMASAV. Ha partecipato a numerosi Congressi nazionali e internazionali, a molteplici corsi di perfezionamento universitari e seminari di aggiornamento tecnico-scientifico in ambito nutrizionale. Vincitrice del premio Lisa de Conciliis 2013 “Ultime frontiere della biologia molecolare” conferito dall’Accademia di Scienze Fisiche e Matematiche in Napoli. È inoltre autrice di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste a diffusione internazionale.