Tuesday, Oct. 17, 2017

Lago d’Orta incantato

Pubblicato da :

|

August 6, 2017

|

in:

Lago d’Orta incantato

Il Lago d’Orta è un luogo d’incanto. Di quelli dove, come si dice, il tempo si è fermato.

A differenza dei vicini Como e Maggiore – assolutamente più mondani e ben più frequentati dal turismo, qui regna una quiete diversa. Evidentemente molto apprezzata da coloro che lo scelgono come meta di vacanza.

Luogo antichissimo in termini di frequentazione umana, offre al visitatore non solo bellezze naturali assolute ma anche richiami culturali significativi.

Lago d’Orta: un po’ di storia

Infatti, l’area del lago viene cristianizzata nella seconda metà del IV secolo d.C. da San Giulio che vi edifica la basilica ancora oggi presente nell’isola che porta il suo nome, meta obbligata della visita del Lago d’Orta.

I Longobardi elevano l’area lago d'orta visita al rango di ducato (il Ducato di San Giulio) ed il castello posto sull’isola è testimone di momenti cruciali compreso un assedio (957) posto a Willa, moglie Re d’Italia Berengario da parte di Litolfo, figlio dell’imperatore Ottone I.

Dall’XI secolo, l’area del lago diviene poi un feudo ecclesiastico ed il principato vescovile dura (almeno formalmente) fino al 1817. Proprio questa vocazione ecclesiastica dell’area fa si che ancora oggi l’Isola di San Giulio sia un luogo di Fede. Lo è per la presenza della Basilica ma anche del convento che occupa il grande palazzo posto al centro dell’isola.

L’atmosfera che si respira passeggiando per i vicoli è di quiete e concentrazione. Non a caso tra di essi si sviluppano di due sentieri del Silenzio e della Meditazione.

La Basilica di San Giulio

Ecco dunque che la Basilica di San Giulio (sull’omonima isola) e la parrocchiale di Orta Santa Maria Assunta rappresentano entrambe due luoghi di visita di sicura soddisfazione. Soprattutto la prima – di origini particolarmente remote – offre un caleidoscopio di affreschi del ‘400 e del ‘600 nonché un magnifico ambone di marmo verde del 1130.

lago d'orta basilica di san giulio visita affreschiSono certo che gli affreschi quattrocenteschi vi divertiranno. Evidentemente discendono da un’iconografia sacra popolare, finalizzata ad una descrizione didattica delle figure dei santi e dei loro martiri, ma, sebbene non dei capolavori, sono godibilissimi. In particolare i volti dei santi sono grandemente espressivi. Settecenteschi, invece, gli affreschi dell’abside e della navata centrale.

Scendete nella cripta, dove è custodito il corpo di San Giulio. In una saletta troverete quel poco che rimane della sua prima sepoltura (o, comunque, di una sepoltura molto antica). Quel poco è però di notevole interesse. La lastra tombale potrebbe essere l’originale (si ritiene che San Giulio sia morto nel 390 d.C.) e le tarsie marmoree (che riutilizzano in parte marmi romani) potrebbero essere state realizzate a Milano proprio in quel periodo.

Il Borgo d’Orta

Il borgo di Orta corre lungo la sponda del lago inerpicandosi in parte sulle pendici del suo monte. Raccolto, elegante, molto curato rappresenta senz’altro un’opportunità per una piacevole visita orta san giulio chiesa di santa maria assuntapasseggiata.

La sua parrocchiale di Santa Maria Assunta – posta in cima al borgo di Orta San Giulio – è spiccatamente settecentesca. Bella, ariosa, dai colori brillanti. Una chiesa delle decorazioni vivaci, certamente di maniera, ma tutt’altro che noiosa.

Per raggiungerla dovrete percorrere da Piazza Motta (la piazza centrale di Orta) via Albertoletti a salire. Questo vi permetterà anche di vedere alcuni degli edifici più significativi di Orta: la Casa dei Nani, Palazzo Gemelli, Palazzo Penotti Ubertini.

Il Sacro Monte di Orta

visita lago d'ortaUn cenno infine al Sacro Monte di Orta, altro must di una visita al Lago d’Orta. Si tratta di uno dei sette Sacri Monti del Piemonte che, insieme ai due presenti in Lombardia, dal 2003 sono Patrimonio Unesco.

Un Sacro Monte è un percorso artistico – spirituale. Più esattamente un luogo dove l’arte diventa ambasciatore di fede inducendo chi visiti questi luoghi alla meditazione su temi di carattere religioso.

Nello specifico di Orta, il Sacro Monte è dedicato a San Francesco e le venti cappelle delle quale si compone custodiscono statue ed affreschi che si pongono il fine di narrare particolari momenti della vita del Santo. Realizzato tra il ‘600 ed il ‘700, il Sacro Monte di Orta è un imperdibile momento di visita tra arte, fede e natura. Dal monte, poi, si gode di una vista di prim’ordine sull’Isola di San Giulio.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Villa Carlotta: giardini d’arte sul Lago di Como
Bobbio: il cielo d’Irlanda sul fiume Trebbia
Visitare il Lago di Como Navigando

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.