Monday, Jun. 26, 2017

Tumore del colon: nuove cure dalla medicina di precisione

Pubblicato da :

|

April 3, 2017

|

in:

Tumore del colon: nuove cure dalla medicina di precisione

Grazie ai progetti Heracles A ed Heracles B, la ricerca oncologica italiana fa passi avanti nella cura del tumore del colon retto in fase metastatica, uno dei “big killer” nonché la seconda neoplasia per frequenza in Italia con 40-50 casi all’anno ogni 100mila abitanti.

Lo studio è scaturito dalla sperimentazione preclinica condotta all’Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo insieme all’Ospedale Niguarda di Milano ed all’Università Statale di Milano. La ricerca è stata finanziata dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC).

Tumori e medicina di precisione: Heracles

Lo studio è un chiaro esempio di medicina di precisione. Con questa terapia si offrono nuove opzioni di cura ai pazienti con tumore metastatico del colon-retto caratterizzato dalla amplificazione del gene HER2, refrattari al trattamento standard con i farmaci oggi in uso. Nella prima sperimentazione di Heracles sono stati trattati 33 ammalati con una combinazione di due farmaci diretti specificamente contro il bersaglio HER2 nel tumore. In un terzo dei casi il tumore è regredito e complessivamente nel 70% dei casi ha smesso di crescere. In un paziente la massa tumorale è completamente scomparsa ormai da più di 3 anni.

Sono risultati molto rilevanti, perché i pazienti di Heracles erano tutti diventati resistenti a molte terapie tentate in precedenza. La sopravvivenza di questi ammalati già trattati più volte, con malattia avanzata, è di solito inferiore a tre mesi, mentre oltre la metà dei pazienti che sono stati coinvolti nella sperimentazione Heracles sta bene dopo nove mesi.

Nuovi trattamenti per il tumore del colon: Heracles B

I trial più recenti intrapresi con Heracles B stanno valutando nuove combinazioni terapeutiche. “È la seconda fase dello studio - chiarisce Salvatore Siena, Professore di Oncologia Medica dell’Università Statale di Milano – Con la prima sperimentazione Heracles A abbiamo valutato la terapia a base di lapatinib e transtuzumab. Con Heracles B, che è ora aperta al reclutamento, ci proponiamo di valutare i risultati della combinazione di pertuzumab e TDM1 (trastuzumab-emtansina), un trattamento che reputiamo ancora più efficace. Anche in questo caso, la proposta terapeutica deriva dagli studi preclinici effettuati a Candiolo. Al momento abbiamo reclutato 11 pazienti, siamo a metà del guado”.

Heracles è il frutto delle nuove concezioni scientifiche con cui si affronta la lotta al cancro.

Il tumore” – spiega Livio Trusolino dell’Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro di Candiolo – viene analizzato non più in base all’organo colpito, ma alle mutazioni genetiche che lo hanno originato. Heracles è un altro passo avanti nell’oncologia di precisione e personalizzata, che inaugura una nuova serie di sperimentazioni cliniche sfruttando le proprietà dei farmaci cosiddetti intelligenti”.

Leggi anche: Tumore del Colon: identificati i meccanismi molecolari

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Epatite E: in Italia l’ha avuta quasi 1 persona su 10
Trapianto di flora intestinale vincente contro il Clostridium difficile
Caldo: come non rimanere intossicati!

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.