Friday, Dec. 15, 2017

Un’infezione materna aumenta rischio epilessia nel nascituro

Pubblicato da :

|

November 27, 2017

|

in:

Il sistema immunitario materno, se attivato da infezioni nelle prime fasi della gestazione, può alterare lo sviluppo del cervello del nascituro, rendendolo più suscettibile all’epilessia. Questo il risultato di uno studio dell’Istituto di neuroscienze del Cnr e dell’ospedale Humanitas di Milano, pubblicato su Biological Psychiatry. I ricercatori hanno definito i meccanismi alla base di questa problematica e identificata una possibile strategia di prevenzione.

È nota ormai da tempo l’associazione tra le infezioni materne durante la gravidanza e difetti del neurosviluppo del nascituro, ma i meccanismi molecolari che sono alla base di questo processo non sono ancora chiari. Nel nostro studio effettuato su modelli murini, utilizzando un agente (PolyI:C) che mima un’infezione virale, abbiamo dimostrato che una singola attivazione del sistema immunitario materno, nelle prime fasi della gravidanza, rende la prole più suscettibile all’insorgenza di crisi epilettiche – spiega Michela Matteoli, direttore del In-Cnr e Responsabile del Neuro Center di Humanitas – la novità principale del lavoro consiste nella dimostrazione che tale effetto è mediato da uno sbilanciamento dell’espressione di due proteine, Nkcc1 e Kcc2”.

Infezioni materne e Epilessia

Uno squilibrio nell’espressione di queste proteine impedisce al neurotrasmettitore ‘Gaba’ di acquisire la sua fisiologica azione inibitoria. L’eccessiva eccitazione neuronale, causata dalla mancanza del freno inibitorio del ’Gaba’, genera anomalie nel sistema nervoso, così come avviene nell’epilessia e in altre malattie del neurosviluppo.

Il nostro lavoro dimostra che uno squilibrio dell’espressione delle due proteine può essere provocato dallo aumento di citochine infiammatorie che avviene nel cervello fetale in seguito all’infezione materna”, aggiunge Davide Pozzi, ricercatore di Humanitas University e coautore dello studio.

Una possibile terapia è stata sperimentata all’interno dello studio. “Il pre-trattamento della madre con magnesio solfato, che blocca l’aumento delle citochine infiammatorie nel cervello fetale in seguito all’attivazione del sistema immunitario materno, previene gli effetti deleteri dell’infezione. I dati sono molto incoraggianti, anche se studi su donne in gravidanza sono necessari per confermare in maniera inequivocabile l’utilità di questa terapia”, conclude il direttore dell’In-Cnr.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Con la PET diagnosi precoce di Alzheimer
Crisi Epilettica: come comportarsi?
Epilessia: che cos’è?

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.