Friday, Dec. 15, 2017

Visitare Pavia per le sue chiese

Pubblicato da :

|

July 31, 2017

|

in:

Visitare Pavia per le sue chiese

Pavia – antica capitale del regno longobardo d’Italia – è raccolta in un quadrato tra il fiume Ticino ed il Castello Visconteo. A tagliarla a metà la Via Nuova. In questo spazio concentrato si dipana un fitto reticolo di strade e stradine, di piazze e monumenti che ha come suo filo conduttore le chiese.

Perché se un’immagine in particolare resta impressa nel visitatore – al di là della mole austera del Castello – sono le facciate delle sue grandi chiese. E proprio queste facciate meritano la visita di Pavia.

Se siete partiti dal Ponte Coperto sul Ticino (un famoso landmark di Pavia), la prima che incontrerete è San Michele Maggiore. Antichissima, fu chiesa di Re. vi vennero infatti incoronati Re d’italia Berengario I (850-924) ed i suoi successori.

San Michele Maggiore a Pavia

Vi colpirà la formidabile facciata con i suoi bassorilievi mutilati dallo scorrere dei secoli e dalle intemperie. La pastosa pietra dell’Oltrepò pavese, visita pavia basilica san michele maggiorericca di toni pastello, facile da lavorare, si rivelò però troppo friabile per resistere alle ingiurie del tempo. Così, di quello che doveva essere uno straordinario apparato decorativo, restano solo ombre sebbene fortemente evocative.

Vi consigliamo di studiarla di notte, quando l’illuminazione artificiale radente ne esalta i profili. La facciata torna a vivere e si moltiplicano su di essa gli aminali, le fiere, gli uccelli che un tempo la popolavano.

Sono però rimasti intatti i capitelli (che troverete anche nelle colonne delle navate e nella cripta) di grande pregio. La fantasia del Medioevo in un momento di grazia (siamo tra lXI e il XII secolo).

Santa Maria del Carmine

visitare Pavia Santa Maria del CarminePassano circa tre secoli e più su, a metà strada tra il Ticino e il Castello nasce una nuova chiesa, Santa Maria del Carmine. Siamo a cavallo tra il ’300 ed il ’400 e qui impera il Gotico Lombardo.

La facciata è un sogno rosso di mattoni ed ornamenti di cotto. Il grande rosone domina la scena circondato da teste di angelo. La terracotta diventa arte piena e rivaleggia con il marmo.

I grandi slanci del gotico, con le sei colonne che percorrono in verticale tutta la facciata e i pinnacoli che le sormontano, alleggeriscono e dinamizzano l’insieme. La grande piazza antistante consente a Santa Maria in Carmine di divenire come lo sfondo di un grande palcoscenico.

Così, la facciata di Santa Maria del Carmine merita di essere ammirata a lungo, girando per la piazza, cercando nuovi scorci.

San Pietro in Ciel d’Oro

Continuando la vostra passeggiata verso Nord, cioè verso il Castello, raggiungerete San Pietro in Ciel d’Oro. Deve la sua fama all’essere custode delle spoglie di Sant’Agostino nell’Arca trecentesca che porta il suo nome. La storia vuole che la chiesa venne costruita da Re Liutprando proprio per custodirvi le spoglie di Sant’Agostino che aveva trasportato a Pavia da Cagliari temendo che quest’ultima città fosse troppo esposta agli attacchi saraceni. A San Pietro in Ciel d’Oro è sepolto anche Severino Boezio e nel suo monastero studiò Paolo Diacono.

Del Ciel d’Oro, purtroppo, non v’è più traccia. Il grande soffitto dorato non ha retto alla rovina della chiesa, sopratutto a causa delle devastazioniPavia San Pietro dal Cielo d'Oro visita napoleoniche, che portarono al crollo di un’ampia porzione del tetto.

La sua facciata, però, non vi deluderà. Vi si può leggere il passare dei secoli e la sua solenne antichità. Il rosso del cotto ne domina la cromia ma è ingentilito dall’ocra della pietra (la medesima di San Michele) che però qui è usata solo per alcuni ornamenti. E’ una facciata mossa. Ritmata, nella porzione più bassa, da tre grandi archi chiusi e da due colonne che la percorrono per tutta l’altezza tripartendola.

Il bel portale medievale ornato, l’ampia dotazione di monofore, bifore ed archetti ciechi non vi farà dimenticare questo pregevole pezzo della nostra architettura sacra.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Villa Carlotta: giardini d’arte sul Lago di Como
Bobbio: il cielo d’Irlanda sul fiume Trebbia
Lago d’Orta incantato

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.