Tuesday, Dec. 6, 2022

Arezzo: una domenica al mercato

Pubblicato da :

|

October 18, 2013

|

in:

Arezzo: una domenica al mercato

Se i romani (antichi) erano soliti dire de gustibus non disputandum est, io mi permetto però di ritenere che nell’Italia Centrale il Mercato dell’Antiquariato di Arezzo primeggi per numerosità di espositori e per qualità media di ciò che essi espongono. Inoltre, per chi disponga di portafogli più riforniti di quelli del visitatore medio (ed anche del mio, ahimè), il centro storico è divenuto negli anni sede di una nutrita serie di antiquari dove non manca mai qualche pezzo di livello diverso.

Poi c’è il luogo in sè il quale, anche in una regione come la Toscana dove c’è la più alta concentrazione di città d’arte del globo, gioca tranquillamente la sua partita. Infine (last but not least) in tanti anni non mi sono mai alzato da tavola arrabbiato per (come dicono i romani moderni) la sola ricevuta: anzi, dove mangi mangi, si mangia bene.

Mercato Antiquariato di Arezzo: prima domenica del mese

Ecco perché Arezzo è un’ottima metà per la prima domenica del mese e vi consiglio caldamente di approfittarne.

Per abitudine, di solito, lascio la macchina dalle parti della Chiesa di Sant’Agostino. Da lì in duecento metri sono su Corso Italia, l’asse che partendo dal centro città novecentesco (sebbene all’interno delle mura) porta su verso il centro storico

mercato antiquariato Arezzo Santa Maria della Pieve

Arezzo – Santa Maria della Pieve

medievale vero e proprio dominato dal suo Duomo. Una volta imboccato Corso Italia c’è solo da lasciarsi trasportare ed incuriosire dalle bancarelle e dai monumenti. In pratica il mercato si sviluppa tra le strade e le piazze principali del centro medievale quindi visitare l’uno vuol dire aver goduto anche dell’altro.

Ognuno avrà giustamente le sue preferenze ma lo scrivente e l’Art Director (anche lei appassionata frequentatrice del Mercato di Arezzo) di solito fanno così: da Corso Italia innanzitutto svoltiamo a destra per Via Cavour e ci godiamo la Piazza di San Francesco e la bellissima chiesa omonima con quel suo frontale in pietra a vista che le foto non rendono mai a dovere. Ovviamente entrateci per ammirare l’abside con il grande Crocefisso giottesco (lasciatemi dire così, tanto non sono mica professore di storia dell’arte) e gli affreschi che ne ornano le pareti.

Sempre a nostro gusto, preso atto di quel che offre quella parte del mercato, torniamo indietro su Corso Italia e saliamo un po’. Ecco l’incredibile campanile di Santa Maria della Pieve e la sua facciata con quattro ordini di colonne. Dall’altro lato della strada non perdete le torri medievali: Arezzo ne conserva parecchie, testimonianza ardita della forza delle grandi famiglie aretine. Fate ancora qualche metro e sulla destra vi si apriranno le Logge del Vasari che vi conducono in Piazza Grande la quale, però, noi ci lasciamo per il gran finale!

In giro tra arte e antiquariato

Dunque proseguite su verso il Duomo e sulla destra troverete il Palazzo Pretorio con la sua fantastica collezione degli stemmi di tutti coloro i quali nei secoli in quel palazzo si sono avvicendati al potere. Segue, confinante, la casa natale del Petrarca. Ancora un balzo e sarete al Duomo con i suoi giardini panoramici.

arezzo mercato antiquariato piazza grande

Arezzo – Piazza Grande

Poiché non voglio scrivere la guida turistica di Arezzo, mi limito a consigliarvi di visitarlo e di proseguire attraversando la piazza contigua dove ha sede il Palazzo dei Priori per girare alla vostra sinistra e tornare indietro verso il Palazzo Pretorio.

A questo punto le Logge dl Vasari e Piazza Grande sono vostre. E’ veramente una “signora piazza” per le dimensioni, per l’elegante loggiato, per la serie di torri che la circonda. Inoltre c’è la più elevata concentrazione di espositori per metro quadro di tutto il mercato: buona ricerca.

Si è fatta una certa …. diciamo l’una e mezza: tutto questo camminare mi ha messo appetito e – consultata l’Art Director – mi sa tanto che metterò giù la penna per impugnare la forchetta! Buona gita ad Arezzo a tutti: ricordate, è il primo week end di ciascun mese.

 

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Carbonia: l’epopea della Miniera di Serbariu
Napoli da Forte Sant’Elmo
Villa Carlotta: giardini d’arte sul Lago di Como

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.