Wednesday, Oct. 16, 2019

Il miliario della Salaria al Masso dell’Orso

Pubblicato da :

|

December 18, 2014

|

in:

Il miliario della Salaria al Masso dell’Orso

Il miliario dell’antica via Salaria romana posto al Masso dell’Orso, tra Antrodoco (Interocrium) e Posta, è certamente un bell’esemplare del suo Miliario via salaria al masso dell'orsogenere. Alto circa 2.30 metri, segnava infatti un miglio particolare, il LXVIIII (ovvero il sessantanovesimo) cioè la metà del percorso complessivo di 136 miglia che univano Roma a Porto d’Ascoli (Castrum Truentinum).

Il miliario del Masso dell’Orso

Il miliario del Masso dell’Orso è databile al 9 a.C. e reca una scritta menzionante l’imperatore Augusto commemorativa di un restauro della via Salaria. In realtà, il miliario non è oggi nella sua posizione originaria ma fu posto lì dove lo vediamo all’inizio del ’900: probabilmente per dare ulteriore importanza ad un passaggio particolare della consolare salaria. Infatti, siamo nel mezzo di una cosiddetta “tagliata”, ovvero un taglio della roccia viva sia in senso orizzontale che verticale, effettuato per consentire alla strada di proseguire oltre un banco di roccia. Nel caso del Masso dell’Orso, la roccia è stata scavata per circa 21 metri lungo la sede stradale  e per un’altezza di 30.

Insomma, il miliario del Masso dell’Orso è una di quelle belle testimonianze che ancora mostrano il percorso dell’antica via Salaria romana come il Ponte del Diavolo a Ponticelli, in comune di Scandriglia, o il Ponte del Sambuco ancora integro in territorio di Belmonte in Sabina.

Potrebbero anche interessarti gli articoli:

Guarda anche il VIDEO su Ponte del Sambuco

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Gli Etruschi: quali origini ?
Museo Archeologico di Magliano Sabina
La Triade Capitolina di Montecelio

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.