Monday, Oct. 21, 2019

Museo Archeologico di Magliano Sabina

Pubblicato da :

|

May 15, 2014

|

in:

Museo Archeologico di Magliano Sabina

Il Museo Archeologico di Magliano Sabina ha un’origine che mi colpisce e mi piace. Non saprei spiegarla meglio di così: è un museo archeologico “popolare”. Non è, infatti, il risultato di scavi scientifici, preordinati, condotti da archeologici professionisti. O meglio: è anche questo ma non solo. E’ innanzitutto il museo degli appassionati: il suo patrimonio nasce per caso. Dagli affioramenti nei campi agricoli, dai lavori di sterro per le strade, dagli scavi per le fondamenta delle case. E negli anni i ritrovamenti si assommano, si accumulano, si stratificano. Diventano tanti, tali da consentire – insieme ai reperti rinvenuti nei pochissimi scavi “ufficiali” dedicati ai Sabini –  il passaggio successivo, la scommessa. Quella vinta, proprio con la realizzazione del museo, da Paola Santoro, Direttore del Museo Archeologico di Magliano Sabina ed archeologa di razza, fino a pochi mesi or sono Direttore del prestigioso Istituto di Studi sulle Civiltà Italiche e del Mediterraneo del CNR.

Se l’origine è dunque particolare, altrettanto lo sono i contenuti dei tre piani su cui si sviluppa il Museo Archeologico di Magliano. museo archeologico magliano sabinaInfatti, tipicamente, siamo abituati a pensare (e vedere) musei “monotematici”, dedicati agli Etruschi, piuttosto che agli Egizi. Il Museo di Magliano no. E’ dedicato ad un territorio ed a tutti i suoi abitanti che vi si sono avvicendati, dalla preistoria fino al medioevo: a metà strada, ovviamente, troviamo i Sabini prima ed i Romani poi.

Museo Archeologico di Magliano Sabina – L’Esposizione

Così a Palazzo Gori troverete ospitati al piano terra i reperti del Paleolitico medio e superiore con i suoi utensili di selce. Già da quei tempi remotissimi (da 300.000 fino a 10.000 anni fa) era il Tevere ad attrarre queste popolazioni di raccoglitori-cacciatori poiché l’acqua, si sa, è la prima preoccupazione di qualsiasi essere vivente. Il primo piano conserva invece reperti che dall’Età del Bronzo vanno all’Età del Ferro. museo archeologico di magliano sabinaSono la conferma della presenza dei Sabini sui colli dove oggi sorge la Magliano che conosciamo. Le vetrine custodiscono vasi a impasto bruno e a vernice nera ed armi in ferro ma, soprattutto, reperti che ci consentono di affermare con certezza come già nel VII secolo a.C. i Sabini possedessero la capacità di scrivere Il secondo piano ci rivela a sua volta due “passaggi” fondamentali della Sabina e dei suoi abitanti. Il primo è legato ai rapporti con le popolazioni confinanti: i falisci, situati tra i Monti Cimini ed il Tevere, ma anche gli etruschi. Ritroviamo così i vasi dalle raffinate decorazioni rosse che ci parlano delle positive “contaminazioni” in atto tra questi popoli. Siamo però ormai a ridosso della romanizzazione della Sabina: infatti nel 290 Manio Curio Dentato pone termine all’indipendenza di questo popolo. Inizia così la vicenda della Sabina “granaio di Roma” ed il moltiplicarsi delle ville rustiche sul suo territorio che numerosi reperti del museo ci testimoniano. Un’ultima vetrina ospita i reperti medievali: anche se generalmente guardati con una certa aria di superiorità dai cultori delle epoche più antiche, non sono né meno belli né meno pieni di vita vissuta.

Museo Archeologico di Magliano Sabina – Informazioni

Palazzo Gori Via Sabina – 02046 Magliano Sabina (RI)
T. 0744-910001

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Gli Etruschi: quali origini ?
Museo dell’Abbazia di Farfa “Emanuele Luzzati”
Il miliario della Salaria al Masso dell’Orso

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.