Wednesday, Dec. 8, 2021

Nerola: il borgo e la storia

Pubblicato da :

|

January 2, 2013

|

in:

Nerola: il borgo e la storia

Nerola, raccolta sul primo bastione che chiude la pianura del Tevere,  domina con il suo splendido castello la Via Salaria che a da lì inizi la sua salita verso Rieti. Il borgo deve il suo nome al vocabolo sabino nero o nerio sinonimo di forza, virtù e coraggio e potrebbe essere sorta sulle rovine dell’antica città di Suna.

Nerola: la storia

Con l’obiettivo di sfruttare la favorevole posizione di Nerola per controllare la via consolare e creare una difesa alle incursioni saracene, nel 972 essa fu concessa in feudo a Benedetto Crescenzi perché vi costruisse un castello, il Castrum castello di nerolaNerulae. Anche il borgo sorto attorno a questo aveva funzione di fortificazione. Infatti le case avevano porte e finestre e rivolte all’interno con il muro esterno in funzione di muro di cinta. I resti della cinta muraria, dotata di torri, sono ancora individuabili tra le case del paese.

Intorno al 1060 e nel 1076 il borgo venne assalito dai Normanni, vassali del papa, nell’ambito delle lotte che vedevano coinvolti papa, imperatore di Germania e famiglie aristocratiche romane. Nel XII secolo, il castello tornò a far parte del patrimonio della Chiesa. Nel 1235 fu concesso agli Orsini il cui potere era cresciuto con l’elezione nel 1191 di Celestino III, primo papa di quella famiglia.

nerola Alla fine del 1400, Cesare Borgia conquistò il Castello di Nerola: questi era figlio naturale di Papa Alessandro VI e, morto il padre, fu privato delle sue proprietà dal successore Giulio II della famiglia Lante Della Rovere. Alla morte di Flavio Orsini, il castello pervenne ai nipoti Lante Della Rovere.

Da costoro passò ai Barberini e quindi, dal 1728, in seguito al matrimonio di Cornelia Barberini con Giulio Cesare Colonna, ai Colonna di Sciarra. Successivamente, il castello appartenne ai Sacchetti e nel 1939 passò ai marchesi Ferrari-Frey.

Vi ebbe sede l’istituzione benefica del’”Ospedale dei Pellegrini” che assisteva quanti transitavano sulla Via Salaria.

Nerola e Garibaldi

Nel 1867 il figlio di Giuseppe Garibaldi, Menotti occupò il castello nel tentativo di conquistare Roma e completare l’unità d’Italia. I garibaldini vi sostennero l’attacco delle milizie pontificie riuscendo a scappare nottetempo. Nella parte più antica di Nerola si può visitare la Chiesa Vecchia, del 1483 fuori dall’abitato, invece, sorge l’antica chiesa di S. Antonio.

Sempre riguardo a Nerola, leggi anche:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Corese Terra: storia e visita
Narni
Ponte Nomentano a Roma: storia e visita

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.