Wednesday, Jan. 19, 2022

Nuraghe Santu Antine a Torralba

Pubblicato da :

|

December 9, 2014

|

in:

Nuraghe Santu Antine a Torralba

Nuraghe Santu Antine, la Reggia Nuragica a Torralba, vi lascerà stupiti come, o forse probabilmente più di Su Nuraxi a Barumini. Infatti, se Santu Antine è detto la Reggia Nuragica un motivo ci dovrà pur  essere e sta nell’eccezionale architettura di quello che certamente è la testimonianza più alta delle capacità costruttive della civiltà nuragica quando si parli di nuraghi. Un po’ come il pozzo sacro di Santa Cristina lo è quando si parli di santuari nuragici.

Nuraghe Santu Antine: la Reggia Nuragica

Santu Antine deve il suo nome odierno alla presenza nelle vicinanze di una chiesa dedicata, appunto, a Santu Antine, che è il nome in sardo nuraghe santu antine torralbadell’imperatore Costantino. Ma la struttura ha da sempre portato il nome di Sa Dome de Su Re, cioè “la casa del re” poiché le sue caratteristiche costruttive uniche fanno pensare ad una reggia. La torre centrale risale probabilmente al 1500 a. C. mentre il completamento della costruzione così come la vediamo (un nuraghe trilobato con tre torri agli angoli che racchiudono un cortile)  va dal IX all VIII secolo.

Quello che lascia di stucco sono i corridoi che uniscono tra di loro le torri e corrono all’interno del muro perimetrale del nuraghe stesso. Lo spiega perfettamente Giovanni  Lilliu in Civilt Nuragica: “La camera del piano terra circondata da un imponente corridoio percorribile in tutta la sua lunghezza. Le volte dei collegamenti tra le torri, realizzati con dei corridoi lungo le mura, sono un perfetto esempio della raffinata tecnica costruttiva nuragica, che richiama le tecniche ciclopiche micenee. La presenza di feritoie, da cui si può controllare distintamente l’esterno del nuraghe, fa pensare a un utilizzo a scopo militare del complesso …. Restano molti dubbi sulla reale funzione del sito, che si presenta come un castello o una fortezza, ma che probabilmente ha cambiato destinazione nel corso dei secoli”.

Il villaggio nuragico di Santu Antine

nuraghe santu antine torralbaGli scavi hanno fino ad oggi portato alla luce i resti di 14 capanne nuragiche destinate ad usi diversi: dalla cosiddetta capanna delle riunioni a costruzioni destinate ad attività produttive.

In altre parole, intorno al nuraghe principale, si addossava un villaggio non diverso da quanto possiamo vedere a Su Nuraxi a Barumini piuttosto che a La Prisgiona ad Arzachena anche se in questi due casi gli scavi hanno restituito complessi abitativi di dimensioni maggiori.

E’ particolarmente importante rilevare come il villaggio nuragico di Santu Antine fu in realtà utilizzato anche in epoca romana e si può suppore che qui esistesse fino al IV secolo d.C. una villa rustica.

Nuraghe Santu Antine

SP21, Torralba SS
079 847481
www.nuraghesantuantine.it

Guarda anche il VIDEO “Nuraghe Santu Antine – Sa Dome de Su Re”

Potrebbero interessarti gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Carbonia: l’epopea della Miniera di Serbariu
Napoli da Forte Sant’Elmo
Villa Carlotta: giardini d’arte sul Lago di Como

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.