Saturday, Aug. 24, 2019

Occhiali da Doge a Pieve di Cadore: arte e prevenzione

Pubblicato da :

|

July 24, 2014

|

in:

Occhiali da Doge a Pieve di Cadore: arte e prevenzione

Non solo cultura e storia. La mostra “Occhiali da Doge” – visitabile al Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore fino al 28 settembre – parla anche di salute e di buoni stili di vita. Già nel Seicento infatti, decenni prima delle scoperte di Newton sulla luce bianca e ben 120 anni prima che nel resto del mondo, gli ottici veneziani scoprirono intuitivamente la pericolosità dei raggi ultravioletti e, per rispondere alla crescente richiesta di proteggersi dai danni del sole, proprio a Venezia iniziò la produzione di vetri colorati a scopo protettivo.

Occhiali da Sole e prevenzione: iniziò l’imperatore Nerone!

In realtà, l’uso di riparare gli occhi dal sole è molto più antico. L’imperatore Nerone, come ci tramanda lo storico Plinio il Vecchio, era solito utilizzare uno smeraldo per proteggere gli occhi dalla luce solare durante i combattimenti nell’arena. Proprio il colore verde sarà quello poi sfruttato soprattutto dagli ottici veneziani. Nella Venezia del Settecento, dame nobili e capitani da Mar li utilizzavano per proteggersi dal riverbero della luce riflessa durante la navigazione in laguna o in mare aperto.

Occhiali da Sole e prevenzione … continuarono i Dogi

Per la prima volta al mondo sono in esposizione la maggior parte di questi eccezionali reperti, conservati da Musei e collezionisti privati, per ripercorrere da un lato la storia dell’evoluzione dell’occhiale e dall’altro quella delle lenti protettive per il sole.

Questi primissimi occhiali da sole, dalle dimensioni insolitamente grandi per l’epoca, venivano indossati dalle dame veneziane nei loro viaggi in gondola per proteggersi dal riverbero dei raggi solari e, allo stesso tempo, per evitare di abbronzarsi. La pelle candida infatti distingueva i membri della nobiltà dalle classi popolari, costrette a lavorare all’aria aperta e quindi caratterizzate da una carnagione più scura.

Prevenire i danni dell’esposizione solare

Sono trascorsi oltre 500 anni e l’insegnamento dei sudditi del doge resta valido. Oggi sappiamo con evidenza scientifica che occhiali da sole e prevenzionel’esposizione solare provoca invecchiamento precoce e numerose patologie cutanee e oculari, le più importanti delle quali sono infiammazioni della cornea, cheratiti, cataratta e maculopatie.

Eppure solo il 15% degli italiani tende a indossare sempre gli occhiali da sole. Ben il 30% non li indossa quasi mai o mai e il 18% solo raramente. Bambini e anziani sono le categorie più a rischio: solo l’11% dei giovanissimi e il 10% degli over 55 portano lenti da sole.

Il risultato è che le patologie oculari dovute all’azione dannosa dei raggi UV sono in aumento ed è fondamentale sensibilizzare maggiormente i cittadini sulla necessità di proteggere gli occhi dai raggi solari. La mostra di Pieve di Cadore è un’ottima occasione per unire l’utile al dilettevole: vedere pezzi unici di inestimabile valore storico e allo stesso tempo scoprire aspetti interessanti e spesso sconosciuti. Ad esempio che il colore più usato era il verde in varie tonalità: giallo-verde, verde-prato, verde-mare o verde-smeraldo. Questo vetro inconfondibile, era prodotto nelle fornaci di Murano ed è probabile che il suo utilizzo derivasse dall’esperienza e non da prove scientifiche. Sembra incredibile, ma quelle lenti garantivano una protezione totale, proprio come gli occhiali da sole di qualità dei giorni nostri.

Potrebbe anche interessarvi l’articolo: “In Estate proteggete gli occhi da raggi UV”

Occhiali da doge

Museo dell’Occhiale
Pieve di Cadore
dal 25 luglio al 28 settembre
Orari: tutti i giorni, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 17.00
T. 0435.32953 fax. 0435.500213
e-mail: museo.occhiale@alice.it

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Radiofrequenze e tumori: buone notizie dalla ricerca
Rapporto Fumo OMS: ancora 1.1 miliardi di fumatori al mondo
Ipertensione: i consigli per il caldo

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.