Monday, Oct. 21, 2019

Olivi secolari in Sabina

Pubblicato da :

|

October 9, 2012

|

in:

Olivi secolari in Sabina

Al di là dei casi più eclatanti, come quello dell’ Olivone di Canneto, la cui età, assolutamente veneranda, è addirittura difficile da stimare e lo rende una testimonianza vivente delle nostre storiche origini più antiche, la presenza di piante di olivo più che secolari non è un fatto rarissimo, soprattutto in quelle aree dove l’olivicoltura è da sempre tra le attività agricole prevalenti.

Gli Olivi Monumentali

Certo, quando ammiriamo una pianta “monumentale” affiora in noi sempre la stessa domanda: “ma quanti anni avrà” ? Il censimento degli olivi monumentali effettuato nel territorio di del Comune di Fara in Sabina da Andreaolivi secolari olivi monumentali sabina Agostini, Giorgio Pace e Alessio Piergotti ci aiuta a rispondere a questa domanda o, per lo meno, a darci un’idea della possibile frequenza di questi affascinanti incontri.

Il progetto, svolto nell’ambito del corso triennale in Scienze e Tecnologie per la Conservazione delle Foreste e della Natura della facoltà di Agraria dell’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, e proposto dal Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dell’Olio a Denominazione di Origine Protetta della Sabina come fase preliminare di un più ampio studio su tutto l’areale di produzione dell’olio Sabina Dop, è stato condotto fra il 2011 e il 2012 individuando 24 aree con presenza di olivi monumentali, per un totale di 113 olivi censiti quali esemplari più rappresentativi delle aree stesse.

Ciascun albero è stato schedato e fotografato, identificandolo in maniera univoca con un codice alfanumerico e le sue coordinate GPS, e i dati raccolti sono stati caricati all’interno di un database la cui consultazione può essere effettuata per mezzo di un’interfaccia di navigazione di tipo web.

Olivi Secolari: censimento a Fara Sabina

Ma perché riteniamo che questi 113 olivi possano avere più di 100 anni di vita?

Un primo elemento per identifica gli olivi secolari è la dimensione del tronco della pianta, con diametro uguale o superiore a centimetri 100, misurato secondo lo standard dendrometrico DBH (Diameter Breast Height), ovvero ad altezza di centimetri 130 dal suolo; nel caso di alberi con tronco frammentato il diametro è quello complessivo ottenuto ricostruendo la forma teorica del tronco intero. Un secondo elemento è dato dall’accertato valore storico-antropologico per citazione diretta o rappresentazione in documenti o rappresentazioni iconografiche.

Per chi volesse approfondire l’argomento e, magari, andare a vedere una di queste meravigliose piante, consiglio di consultare il sito che ospita tutti i dati del censimento comprese le posizioni dei nostri 113 amici secolari, ovvero www.olivisecolari.it

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

La Via degli Eremi di Monte Soratte
La pista ciclabile di Fara Sabina
Pozze del Diavolo e Cascate del Galantina

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.