Friday, Dec. 9, 2022

Il Palau de la Musica Catalana

Pubblicato da :

|

July 4, 2015

|

in:

Il Palau de la Musica Catalana

palau de la musica catalana barcellonaIl Palau de la Musica Catalana di Barcellona è un sogno modernista dove puoi perderti nei suoi decori mentre ascolti un concerto o sederti alla sua caffetteria guardando i grandi fiori di ceramica che formano i capitelli delle sue colonne mentre il caffè si fredda.

Sito Unesco, giustamente, il Palau de la Musica è la prova provata di cosa possa la volontà degli uomini e la forza di una cultura esuberante. Infatti, questo luogo incantato fu voluto – e realizzato – da una corale, la Orfeo Català, come propria sede sul volgere del ‘900. Ed oggi, dopo più di cento anni, il palazzo è ancora proprietà della corale.

Palau de la Musica Catalana: l’architettura

Fu Lluis Doménech i Montaner a progettarlo con soluzioni senza meno originali: il Palau de la Musica Catalana è l’unico palau de la musica catalana barcellonaauditorium in Europa ad essere illuminato a luce naturale. Vi provvedono le grandi vetrate policrome e lo scenografico lucernario che occupa un’ampia area del soffitto e si espande verso l’interno della sala creando una impressionante goccia. Superfluo decantarne la bellezza e l’eleganza del motivo ornamentale formato da volti di angeli coristi.

Non di minor rilievo sono però i mosaici e gli ornamenti. Superlative le diciotto muse della musica di terracotta e mosaico che decorano il fondale del palcoscenico. Di impatto le statue di Wagner e Josep Clavè ai lati del palco, ma ogni spazio, ogni colonna sono ricoperti da colorati mosaici a tema per lo più floreale.

Scenografica anche la facciata – sacrificata dalla ridotta profondità della strada sulla quale affaccia – per la quale Lluis Doménech concepì un colonnato a due file posto sulla balconata del primo piano: un trionfo di mosaici e capitelli floreali. Tra le colonne, busti di compositori famosi.

Al di là della sua monumentalità però, il Palau de la Musica Catalana è una sala da concerti di prim’ordine. Sia in termini di acustica che di cartellone. Nel suo secolo di storia sul palco del Palau sono infatti saliti Strauss e Stravinki, Rubinstein e von Karajan, Baremboim e Muti ma l’elenco sarebbe ancora lunghissimo.

Su Barcellona, leggi anche:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Greenwich Village walk around
French Building: New York Art Decò
High Line Park: la ferrovia verde di Lower West Manhattan

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.