Wednesday, Dec. 8, 2021

Ristorante Le Scuderie Civita Castellana

Pubblicato da :

|

September 7, 2016

|

in:

Ristorante Le Scuderie Civita Castellana

Il ristorante Le Scuderie di Civita Castellana è un’oasi di raffinatezza ai confini tra Tuscia e Sabina luoghi dove, solitamente, l’ospitalità è di certo sincera ma spesso più casareccia.

Le Scuderie, invece, ristorante dell’Hotel Relais Falisco, gioca una delle sue carte migliori proprio nell’eleganza degli ambienti e nella cortesia cordiale ma discreta del personale. Il nome si deve proprio al luogo: le scuderie di un antico palazzoristorante le scuderie civita castellana patrizio attentamente restaurate. Così, soprattutto se siete gente di cavalli, la vostra scelta non potrà che cadere sulla sala delle mangiatoie dove a ciascuno sarà dato scegliere di desinare nella “posta” che più gli aggrada. Belle però anche le altre sale e molto scenografica la grotta scavata nel tufo (con il suo grottino ancor più in basso) diversi metri sotto terra.

Per gli amanti dell’arte, da segnalare che Le Scuderie si trova a poche decine di metri dal Duomo cosmatesco di Civita Castellana, luogo la cui visita va inserita tra i must.

Le Scuderie: i cibi

ristorante le scuderie civita castellanaAll’altezza il cibo e la cantina. Il menù interpreta i sapori dei luoghi o, comunque, della tradizione italiana, con una verve ed un’innovazione che non divengono mai eccessivi. Ciò vale per i nostri antipasti: Carpaccio di polpo con gelato di peperone arrosto e Pappa al pomodoro al peperoncino con polpettine di acciughe. Un’indovinata unione, quest’ultima, dove le acciughe trovano il giusto passo con il pomodoro.

All’altezza anche i primi. Noi abbiamo scelto Tortelli di melanzane con burrata e Stringozzi all’amatriciana di mare. In ottemperanza al proposito di mantenersi leggeri durante una giornata dedicata a visitare e fotografare i borghi limitrofi per la nostra rivista, abbiamo a malincuore rinunciato al secondo ma il menù mostrava diverse tentazioni. Ad esempio, l’insalata tiepida di baccalà o la rana pescatrice alla buccia di limone, piuttosto che la classica tagliata al sale grosso o il petto d’anatra.

Con morigeratezza, ci siamo divisi un dolce in due: una Millefoglie con crema di limone e frutta tropicale e, se tanto mi da tanto, avremmo fatto bene ad assaggiarne anche un altro.ristorante le scuderie civita castellana

Per quanto riguarda il vino, la scelta è caduta su una malvasia puntinata del Principe Pallavicini: un vino serio, tradizionale nel senso migliore, assolutamente in grado di destreggiarsi anche con i sapori impegnativi del nostro pranzo.

Il conto. In realtà – sperando che questo approccio non cambi strada facendo – è stato assolutamente ragionevole: 33 euro a persona.

In conclusione, dunque, un indirizzo assolutamente da consigliare.

Ristorante Le Scuderie – Civita Castellana

Via Don Minzoni, 19 – 01033 Civita Castellana
T. (+39) 0761515786
info@lescuderierestaurant.itwww.lescuderierestaurant.it
Chiuso domenica sera e lunedì

Qualche idea tra cultura e natura in zona:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Carbonia: l’epopea della Miniera di Serbariu
Napoli da Forte Sant’Elmo
Villa Carlotta: giardini d’arte sul Lago di Como

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.