Friday, Sep. 20, 2019

Il Santuario del Sacro Speco di San Francesco di Narni

Pubblicato da :

|

March 11, 2013

|

in:

Il Santuario del Sacro Speco di San Francesco di Narni

Posto a cavallo tra la Sabina e l’Umbria, il Santuario del Sacro Speco di San Francesco a Sant’Urbano nei pressi di Narni forma come un continuum non solo spirituale ma anche, più prosaicamente, di antichi percorsi che univano il reatino con la bassa Umbria. Infatti, dalla Valle Santa (e da Greccio in particolare) sentieri di montagna portavano da sempre verso la Sabina, ad esempio verso Cottanello dove sorge l’altro Eremo francescano dedicato a San Cataldo e dal quale, rapidamente, si giungeva a Sant’Urbano (dove si trova il Sacro Speco) e da lì a Narni.

santuario del sacro speco di san francesco narni

Il Santuario del Sacro Speco di Narni

santuario sacro speco san francesco narniLa posizione del Santuario dello Speco è magnifica con una vista aperta sulla piana di Terni ed i monti che la cingono verso Spoleto. Il complesso degli edifici è frutto dello stratificarsi delle opere umane: una prima presenza di eremiti benedettini facenti capo al Monastero di San Benedetto in Fundis di Stroncone era già lì da tempo remoto ed a loro si deve, probabilmente intorno al Mille, la costruzione della Cappella di San Silvestro – oggi parte del più articolato Santuario –  ornata di affreschi trecenteschi, tra cui una Crocefissione a cui sono presenti la Madonna, san Giovanni Evangelista, san Francesco e san Silvestro.

San Francesco giunse nel luogo nel 1213 e vi portò il primo nucleo francescano. Lo sviluppo del Santuario è però opera di San Bernardino da Siena il quale nel ‘400 lo costruì a ridosso della già esistente Cappella di San Silvestro: sorsero così il chiostro, il refettorio ed il dormitorio al primo piano. Alla fine del ‘500, invece, risale la chiesa ornata, nella sua semplicità, da un bel crocefisso ligneo. Lo Speco, posto più in alto rispetto al Santuario, è costituito da una formidabile spaccatura nella roccia, lunga 60 metri, che scende a strapiombo nella vallata sottostante.

Potrebbero anche interessarti:

Clicca qui di seguito per il VIDEO Monastero di San Benedetto in Fundis

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Gravina Sotterranea: la civiltà del tufo
Carbonia: l’epopea della Miniera di Serbariu
Napoli da Forte Sant’Elmo

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.