Friday, Aug. 12, 2022

Stroncone

Pubblicato da :

|

August 28, 2014

|

in:

Stroncone

Stroncone accoglie il visitatore con una piazza dal bel colpo d’occhio ricavata da una rientranza delle mura civiche e probabilmente protetta versostroncone porta principale l’esterno da un ulteriore giro di mura non più in sito. Fa da piacevole contrasto la medievale Porta Principale – che immette nel borgo – con la dirimpettaia Fontana delle Tre Tazze, bianca del suo marmo e cinquecentesca.

Passando la Porta Principale si accede ad una piazza che sembra essere la corte interna di un castello con l’antico pozzo ed una cisterna di dimensioni simili alla piazza stessa. Di lì i vicoli salgono verso il borgo o scendono lungo la parte superstite delle mura più antiche giù verso Porta Nuova.

E’ una Stroncone da esplorare su e giù per i suoi vicoli a caccia di scorci e di chiaroscuri, di volte buie e di facciate di chiesa romaniche lucide di marmo bianco.

Stroncone: la storia

Stroncone Porta NuovaLa prima documentazione risale al 1012 e tutto sommato rende coerente la leggenda sull’origine del suo nome. Verrebbe infatti da un Ugo o Ugone Duca di Spoleto. Da Castrum Hugonis a Castrugone per poi perdersi in Strungone e Stroncone. Stefano Gasparri, nella sua cronologia ne I Duchi Longobardi, riconosce due Ugo Duchi di Spoleto (Ugo II ed Ugo III) regnanti tra il 1020 ed il 1043. Manca Ugo I. Potrebbe aver dunque ragione l’abate Giancolombino Fatteschi che individuava Ugo o Ugone Duca di Toscana ed anche di Spoleto intorno al 990. Se così fosse, i conti tornerebbero perfettamente.

La storia di Stroncone si muoverà nei secoli intorno ai due poli di Narni e dello Stato della Chiesa. Narni è infatti un comune particolarmente attivo in termini espansionistici tra l’XI ed il XIII secolo sia verso la Sabina che verso l’Umbria più prossima. Con il consolidarsi si un Stato della Chiesa e della sua amministrazione territoriale, Stroncone entrerà a far parte stabilmente di questo ambito amministrativo. Nel 1215 Papa Innocenzo III le riconosce lo status di comune. Dal ‘300 in poi sarà governata da rappresentanti a vario titolo (rettori, vicari, ecc.) a vario titolo del potere papale.

Non perdete anche gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Carbonia: l’epopea della Miniera di Serbariu
Napoli da Forte Sant’Elmo
Villa Carlotta: giardini d’arte sul Lago di Como

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.