Monday, May. 27, 2019

Visitare Matera

Pubblicato da :

|

August 16, 2016

|

in:

Visitare Matera

Matera Capitale della Cultura Mondiale 2019 rappresenterà di fronte a tutto il pianeta quell’immensa eredità di arte e cultura che l’Italia rappresenta. Un compito importante al quale la città lucana si sta attentamente preparando: un altro buon motivo per visitarla prima e durante il 2019 onde apprezzare il recupero del suo importante patrimonio.

I Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri di Matera

I Sassi di Matera ed e il Parco delle Chiese Rupestri sono dal 1993 Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Il particolarissimo

i sassi di matera visitare matera

I Sassi di Matera

rapporto, fatto di adattamento ed equilibrio, esistente tra l’insediamento umano e l’ecosistema in cui si inserisce, che dura ormai da millenni, sono alla base di questo riconoscimento. Dice, infatti, la motivazione Unesco: “la città e il Parco sono un notevole esempio di complesso architettonico e paesaggistico che illustra un numero significativo di stadi della storia dell’umanità”.

Iapigia, greca, romana, longobarda, normanna e poi, via via, più “moderna”: tante le epoche di Matera che ne hanno disegnato l’aspetto e la storia. Nell’VIII secolo, poi, eremiti e monaci arrivano a Matera e vi creano quella miriade di chiese rupestri (circa 160) che ne costituiscono una caratteristica probabilmente unica al mondo.

Visitare Matera

cattedrale di matera cosa vedere a matera

La Cattedrale di Matera

La visita di Matera è una storia di incredibili, bellissimi contrasti. Da un lato i famosissimi Sassi, certamente l’elemento al quale la città deve la sua generale notorietà, con la loro assoluta semplicità, con l’elementare nudezza dei suoi ambienti ipogei (che, però, oggi si sta trovando una dimensione tutta particolare in conseguenza del recupero delle abitazioni e la creazione di alberghi). Dall’altro la Matera “aristocratica”, la Civita, con le sue chiese (la Cattedrale romanica, la barocca – ed originalissima – Chiesa del Purgatorio), i suoi palazzi e le sue piazze. Con gli straordinari affacci sui Sassi ed, a loro volta, sulle loro chiese.

Poi c’è una natura forte, aspra, che è quella delle gravine scavate nella roccia calcarea che formano il Parco della Murgia Materana con i suoi canyon, le sue acque, le sue chiese rupestri.

Dunque, una Matera tutta da esplorare e dalle opportunità culturali assolutamente poliedriche.

Potrebbero anche interessarti gli articoli:

 

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Gravina Sotterranea: la civiltà del tufo
Carbonia: l’epopea della Miniera di Serbariu
Napoli da Forte Sant’Elmo

Due parole sull'autore

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ consigliere d’amministrazione di SanaRes, la prima rete d’imprese italiana nel comparto sanitario. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.