Tuesday, Feb. 19, 2019

Bambini: meno cemento, più salute

Pubblicato da :

|

January 18, 2019

|

in:

Bambini: meno cemento, più salute

Vivere in aree altamente cementificate è dannoso per la salute respiratoria e oculare dei bambini. Viceversa, vivere in aree con molto verde urbano è protettivo.

Si tratta, evidentemente, di ipotesi sulla cui fondatezza ognuno di noi avrebbe scommesso, ma ora una ricerca specifica ce lo conferma e ce ne spiega le ragioni.

Frutto della collaborazione tra Cnr, Ingv, Arpa Emilia-Romagna e DepLazio, i risultati sono stati pubblicati su Environmental Health.

Urbanizzazione e salute: come analizzarli?

L’indagine rivolta a bambini di età scolare che vivono a pochi chilometri da Palermo, ha sviluppato un approccio che combina urbanizzazione e salute dei residenti, attraverso specifici indicatori:

  • greenness - verde urbano,
  • greyness – aree cementificate
  • biossido d’azoto (NO2).

Nell’area, dove insistono le due scuole, è attiva una delle due stazioni di misurazione di fondodel livello di inquinamento della città non

bambini urbanizzazione salute cnr

Analisi Greenness. Punti blu indicano le residenze dei bambini. I colori da rosso (bassa esposizione) a verde (alta esposizione) indicano l’intensità di NDVI

influenzata prevalentemente da emissioni di specifiche fonti (industrie, traffico, riscaldamento residenziale, ecc.), bensì dal contributo integrato di tutte queste rispetto alle direzioni predominanti dei venti in quel sito.

Sono stati coinvolti in tutto 244 scolari – ha spiegato Stefania La Grutta, primo ricercatore del Cnr-Ibim – tra gli 8 e i 10 anni, di due scuole elementari che hanno compilato un questionario per la valutazione dei sintomi respiratori, allergici e generali. Sono stati calcolati gli indicatori individuali di esposizione ambientale sia al greenness e al greyness sia al biossido d’azoto (NO2)”.

Più cemento, più mal di testa e stanchezza

Una bassa esposizione (NDVI) al greenness si associa ad un più alto rischio di sintomi nasali (naso chiuso, naso che cola e prurito).

I bambini che vivono in aree di tessuto urbano continuo, densamente cementificate, riportano più sintomi oculari e generali, come cefalea e stanchezza, rispetto a quelli che vivono in aree di tessuto urbano discontinuo, meno cementificate.

bambini ambiente salute

Distribuzione classi di Corine Land Cover. Punti neri indicano la residenza di ciascun bambino. I poligoni colorati identificano le categorie di CORINE.

La prossimità (<200 m), poi, a una strada ad alto traffico determina un aumento del rischio dei sintomi oculari (bruciore, lacrimazione, sensazione di sabbia negli occhi) e nasali. Con elevate esposizioni a livelli di biossido di azoto (NO2 ≥ 60 μg/m3), il rischio di sintomi generali aumenta.

Sebbene l’inquinamento outdoor dell’area selezionata non sia influenzato da emissioni di specifiche fonti, come presenza di industrie o di traffico urbano – aggiunge La Grutta – i ricercatori hanno riscontrato, comunque, una lieve sintomatologia oculare associata a livelli di inquinante outdoor (biossido di azoto) superiore al valore limite annuale per la protezione della salute umana (NO2 ≥ 40 μg/m3)”.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Ictus e vacanze in alta quota: cosa fare?
Bambini e Gioco: come regolarsi?
Radon: perché è un problema?

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.