Sunday, May. 31, 2020

Complicazioni post chirurgiche: occhio al fumo

Pubblicato da :

|

January 28, 2020

|

in:

Complicazioni post chirurgiche: occhio al fumo

I fumatori di tabacco sono a rischio significativamente più elevato rispetto ai non fumatori per quanto riguarda le complicazioni post-chirurgiche, tra cui funzioni cardiache e polmonari compromesse, infezioni e guarigione ritardata o compromessa delle ferite.

Ma nuove prove rivelano che i fumatori che hanno smesso circa 4 settimane o più prima dell’intervento chirurgico hanno un rischio minore di complicazioni e risultati migliori 6 mesi dopo. I pazienti che hanno smesso di fumare tabacco hanno meno probabilità di avere complicazioni con l’anestesia rispetto ai fumatori abituali.

Un nuovo studio congiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dell’Università di Newcastle, Australia e della World Federation of Societies of Anaesthesiologists (WFSA), mostra che ogni settimana senza tabacco dopo 4 settimane migliora gli esiti sanitari del 19%, grazie al miglioramento del flusso sanguigno in tutto il corpo verso gli organi essenziali.

Il rapporto fornisce la prova che ci sono vantaggi nel posporre gli interventi chirurgici minori o non urgenti per dare ai pazienti l’opportunità di smettere di fumare, con un risultato migliore per la salute“, ha detto il dottor Vinayak Prasad, Responsabile Unità No Tobacco, Organizzazione Mondiale della Sanità.

Fumo: perché genera complicazioni post-chirurgiche?

La nicotina e il monossido di carbonio, entrambi presenti nelle sigarette, possono diminuire i livelli di ossigeno e aumentare notevolmente il rischio di complicazioni cardiache dopo l’intervento. Il fumo di tabacco danneggia anche i polmoni rendendo difficile il flusso d’aria nella giusta quantità, aumentando il rischio di complicazioni post-operatorie ai polmoni.

Il fumo distorce il sistema immunitario del paziente e può ritardare la guarigione, aumentando il rischio di infezione nel sito della ferita. Il fumo di una sola sigaretta diminuisce la capacità del corpo di fornire le sostanze nutritive necessarie per la guarigione dopo l’intervento chirurgico.

Le complicazioni dopo l’intervento chirurgico rappresentano un grosso onere sia per l’operatore sanitario che per il paziente.  I medici di base, i chirurghi, gli infermieri e le famiglie sono importanti per aiutare il paziente a smettere di fumare in ogni fase della cura, soprattutto prima di un intervento“. Ha spiegato il dottor Shams Syed, Coordinatore Qualità dell’Assistenza, OMS.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Natale: consigli semplici per un’alimentazione sana
Italia: apparecchi acustici poco utilizzati
Con un cane si vive più a lungo

Due parole sull'autore

Alessia Gerli

Alessia Gerli ha studiato grafica all'IED di Roma ha esordito occupandosi di editoria nella rivista che ha raccontato la musica negli anni 80 e 90, Ciao 2001. In oltre vent'anni di attività si ė occupata di grafica pubblicitaria a tutto tondo, disegnando loghi e campagne. Appassionata calligrafa e amante dell'arte in tutte le sue diverse espressioni, da sempre ricerca la contaminazione tra questi mondi come fonte di ispirazione per i suoi progetti grafici.