Wednesday, Feb. 8, 2023

HIV: ecco come difendersi

Pubblicato da :

|

February 10, 2014

|

in:

HIV: ecco come difendersi

La Società Italiana di Infettivologia Pediatrica – SITIP ha realizzato una “guida” fatta di domande e risposte per sintetizzare quelle informazioni e indicare quei comportamenti necessari per difendersi dall’HIV. SalutePiù la pubblica integralmente qui di seguito.

HIV: impariamo a conoscerlo

La pillola, la spirale e il diaframma sono sistemi contraccettivi sicuri contro l’HIV ?  FALSO

La pillola e la spirale non eliminano il rischio del contagio, mentre il diaframma, coprendo il collo dell’utero, esercita solo un effetto protettivo parziale: protegge infatti dalle infezioni che possono interessare il tratto genitale superiore, ma non impedisce il contatto con la mucosa vaginale.

Il preservativo rappresenta l’unico mezzo disponibile per prevenire il passaggio del virus HIV ? VERO

Il preservativo va sempre utilizzato in caso di rapporti sessuali con partner occasionali o comunque con persone potenzialmente a rischio. Affinché sia efficace è indispensabile però un suo uso corretto.

L’HIV è una malattia molto grave che colpisce solo gli adulti ?  FALSO

L’HIV può colpire anche bambini e adolescenti.

L’HIV causa una malattia da cui si può guarire ?  FALSO

L’AIDS è rapidamente diventata una delle principali cause di morte in molte aree del mondo e, sebbene siano disponibili trattamenti, non esiste ancora una cura definitiva per questa malattia. Al momento non si può guarire dall’infezione da HIV: le terapie specifiche hanno permesso di rendere l’infezione cronica ma non di risolverla.

Se non ci sono i sintomi, l’HIV non è trasmissibile ?  FALSO

Molte persone non sanno di avere un’infezione da HIV perché possono essere necessari molti anni prima di presentare una sintomatologia evidente. Comunque, anche se una persona non presenta sintomi può trasmettere ad altri l’infezione.

L’HIV si trasmette soltanto attraverso un contatto sessuale ?  VERO

Il contagio non è possibile, per esempio, stringendosi le mani o abbracciandosi, condividendo il bagno, mangiando cibo preparato da una persona HIV positiva, attraverso l’aria,in piscina, attraverso le punture di insetto.

Tutti i soggetti che hanno avuto comportamenti a rischio dovrebbero essere testati per l’HIV ?   VERO

Certamente sì, soprattutto se il soggetto dovesse riscontrare sintomi quali febbre persistente, sudorazione notturna, calo ponderale, diarrea cronica non spiegata, eczema o psoriasi, herpes zoster, candidiasi orale o leucoplachia cornea della mucosa orale (chiazze bianche).

Leggi anche:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Complicazioni post chirurgiche: occhio al fumo
Cambiamenti climatici: come impatteranno il futuro?
Perché lavarsi i denti almeno 2 volte al giorno?

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.