Tuesday, Dec. 10, 2019

Tumori: negli USA ancora giù i tassi di mortalità

Pubblicato da :

|

May 31, 2019

|

in:

Tumori: negli USA ancora giù i tassi di mortalità

Il tasso di mortalità per tumori negli Stati Uniti ha continuato a decrescere tanto negli uomini che nelle donne e nei bambini negli Stati Uniti tra il 1999 al 2016: questo quanto emerge dal rapporto annuale del National Cancer Institute (NCI) apparso sul Journal of the National Cancer Institute il 30 maggio 2019.

I tassi complessivi di incidenza del cancro, o tassi di nuovi tumori, sono diminuiti negli uomini dal 2008 al 2015, dopo essere aumentati dal 1999 al 2008, e sono rimasti stabili nelle donne dal 1999 al 2015.

Tumori: negli USA decrescono i tassi di mortalità

Dal 2012 al 2016 i tassi di mortalità complessiva sono diminuiti dell’1,8% all’anno negli uomini e dell’1,4% all’anno nelle donne. Tra gli uomini, i tassi di mortalità sono diminuiti per 10 dei 19 tumori più comuni, ma sono aumentati per 6 tumori, con i più forti aumenti per il cancro al fegato, alla cavità orale e alla faringe, e per il cancro della pelle non melanoma. Tra le donne, i tassi di mortalità sono diminuiti per 13 dei 20 tumori più comuni, compresi i 3 tumori più comuni (polmone e bronco, seno e colorettale), ma sono aumentati per 5 tipi di tumore, con i più forti aumenti per i tumori dell’utero e del fegato.

Per l’incidenza del cancro, dal 2011 al 2015:

  • i tassi di incidenza per tutti i tumori combinati sono rimasti stabili nelle donne e sono diminuiti del 2,1% all’anno negli uomini.
  • per quanto riguarda gli uomini, i tassi di nuovi tumori sono diminuiti per 8 dei 17 tumori più comuni, sono aumentati per 7 tumori e sono rimasti stabili per 2 tumori.
  • Per quanto riguarda le donne, i tassi di nuovi tumori sono diminuiti per 6 dei 18 tumori più comuni, sono aumentati per 9 tumori e sono rimasti stabili per 3 tumori.

Tumori e differenze di genere

Dal 2011 al 2015, il tasso medio annuo di incidenza per tutti i siti tumorali combinati è stato circa 1,2 volte superiore tra gli uomini che tra le donne, e dal 2012 al 2016, il tasso medio annuo di mortalità tra gli uomini (di tutte le età) è stato 1,4 volte il tasso tra le donne. Tuttavia, quando i ricercatori hanno esaminato solo uomini e donne di età compresa tra i 20 e i 49 anni, hanno scoperto che sia l’incidenza che i tassi di mortalità erano più elevati tra le donne.

Gli autori hanno riferito che, nella fascia di età 20-49 dal 2011 al 2015, il tasso medio annuo di incidenza per tutti i tumori invasivi era 115,3 (per 100.000 persone) tra gli uomini, rispetto al 203,3 tra le donne, con tassi di incidenza del cancro in diminuzione dello 0,7% in media annua tra gli uomini e in aumento dell’1,3% in media annua tra le donne. Nel periodo dal 2012 al 2016, il tasso medio annuo di mortalità per cancro è stato di 22,8 (per 100.000 persone) tra gli uomini e 27,1 tra le donne di questa fascia di età.

I tumori più comuni e la loro incidenza tra le donne dai 20 ai 49 anni sono stati il seno (73,2 per 100.000 persone), la tiroide (28,4) e il melanoma della pelle (14,1), con un’incidenza di gran lunga superiore a quella di qualsiasi altro tumore. I tumori più comuni tra gli uomini dai 20 ai 49 anni erano il colon e il retto (13.1), il testicolo (10.7) e il melanoma della pelle (9.8).

Il maggior carico di cancro tra le donne rispetto agli uomini dai 20 ai 49 anni è stata una scoperta sorprendente di questo studio, – ha detto Elizabeth Ward, Ph.D., autore principale dello studio- l’elevato carico di cancro al seno rispetto ad altri tumori in questo gruppo di età rafforza l’importanza della ricerca sulla prevenzione, diagnosi precoce e trattamento del cancro al seno nelle donne più giovani“.

Studiando questa fascia di età, gli autori hanno anche scoperto che, dal 2012 al 2016, i tassi di mortalità sono diminuiti del 2,3% all’anno tra gli uomini e dell’1,7% all’anno tra le donne.

E’ importante riconoscere che i tassi di mortalità per cancro sono in calo nella fascia di età 20–49 anni, e che i tassi di declino tra le donne di questa fascia di età sono più veloci di quelli delle donne anziane“, ha detto Douglas R. Lowy, M.D., direttore ad interim del NSC.

Cancro e stili di vita

La relazione di quest’anno ha rilevato che, tra tutte le età combinate, l’incidenza esistente e le tendenze di mortalità per la maggior parte dei tipi di cancro continuano a persistere. Il tasso di nuovi casi e decessi per cancro ai polmoni, alla vescica e alla laringe continua a diminuire a causa del calo a lungo termine del fumo di tabacco. Al contrario, i tassi di nuovi casi di tumori legati all’eccesso di peso e all’inattività fisica – tra cui uterina, seno in post-menopausa e colorettale (solo nei giovani adulti) – sono aumentati negli ultimi decenni.

Diversi cambiamenti significativi nelle tendenze sono però stati osservati nel rapporto. Dopo decenni di crescente incidenza, i tassi di incidenza del cancro alla tiroide nelle donne si sono stabilizzati dal 2013 al 2015. Gli autori hanno scritto che questo potrebbe essere dovuto a cambiamenti nei processi diagnostici relativi alle revisioni delle linee guida dell’American Thyroid Association per la gestione dei piccoli noduli tiroidei.

La relazione mostra anche un rapido calo dei tassi di mortalità per melanoma della pelle negli ultimi anni. I tassi di mortalità, stabili negli uomini e in leggera diminuzione nelle donne, hanno mostrato un calo annuo dell’8,5% dal 2014 al 2016 negli uomini e del 6,3% annuo dal 2013 al 2016 nelle donne.

I cali osservati nella mortalità per il melanoma della pelle sono probabilmente il risultato dell’introduzione di nuove terapie, compresi gli inibitori dei punti di controllo immunitario, che hanno migliorato la sopravvivenza dei pazienti con diagnosi di melanoma avanzato” – ha detto J. Leonard Lichtenfeld, M.D., M.A.C.C.P., direttore medico ad interim di ACS – questo rapido cambiamento ci mostra quanto sia importante continuare a lavorare per trovare trattamenti efficaci per tutti i tipi di cancro“.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

OMS: Tubercolosi, per debellarla occorre fare di più
Problemi della vista: toccano 2,2 miliardi di persone al mondo
Rapporto HBSC Giovani: servono più comportamenti salutari

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.