Saturday, Aug. 15, 2020

Acne e Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS): quale legame ?

Pubblicato da :

|

April 9, 2013

|

in:

Acne e Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS): quale legame ?

L’acne è un’infiammazione del follicolo pilosebaceo e del tessuto circostante, che si localizza soprattutto al volto e al torace, si manifesta in modo molto variabile ed è estremamente diffusa tra gli adolescenti. Si stima che ne siano affetti circa il 95- 100% dei ragazzi e circa l’ 83- 85% delle ragazze tra i 16 e i 17 anni. Nella maggior parte dei casi si risolve intorno ai 25 anni, ma è ancora presente intorno ai 40 nell’1% degli uomini e nel 5% delle donne. Le cause dell’acne sono in gran parte sconosciute. Alcuni fattori  fondamentali per il suo sviluppo sembrano mediati dagli androgeni (ormoni maschili), mentre la gravità è spesso in relazione all’aumentata quantità di sebo, all’ azione svolta dai microbi e ultimi ma non meno importanti i fattori psicologici.

Acne: tra le cause la PCOS

Da molti è stata erroneamente considerata una “reazione fisiologica legata all’età” e altrettanto erroneamente messa in rapporto con carenze o eccessi nei comportamenti sessuali. In realtà, sia tra le donne mature che tra le adolescenti, qualora l’acne si associ ad un ritmo mestruale più lungo (oligomenorrea, flussi ogni 40-60 giorni o più), specie se sono presenti anche irsutismo o soprappeso, si dovrebbe sospettare la PCOS. La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è la più comune causa ormonale di irsutismo (eccesso di peluria), acne e di alopecia (riduzione dei capelli). Questa è dovuta ad una disfunzione ovarica ma non solo: è spesso associata a fattori di rischio per il diabete mellito, la sindrome metabolica e le sue complicanze (colesterolo alto, infarto cardiaco,…).

Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)

La PCOS è presente in circa il 10-20% delle donne in età fertile, ed è associata a scarsa qualità ovulatoria o a una vera e propria assenza dell’ovulazione. I sintomi più tipici sono quelli che culturalmente sono definiti come “poco femminili”, ossia eccesso di peluria, obesità, acne e infertilità. Si aggiungono quindi anche una serie di disagi psicologici, come depressione, ansia e insoddisfazione. E’ fondamentale ovviamente che l’approccio a tale patologia sia interdisciplinare (medico di famiglia, ginecologo, endocrinologo, dermatologo ed eventualmente psicologo che dialogano tra loro) allo scopo di affrontare gradualmente la soluzione.

Ad esempio, se il disagio psicologico è il sintomo prevalente è utile, come primo obiettivo, far riacquistare la stima del proprio corpo riducendo i segni di maggior disagio (spesso l’acne o il soprappeso) per poi affrontare con più fiducia un percorso terapeutico a lungo termine, certamente fondamentale. Alcune cure termali con  acque solfuree possono essere un valido supporto immediato durante l’iter diagnostico e terapeutico complessivo.

Potrebbero anche interessarti:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Grazie all’idrossitirosolo, l’olio di oliva fa bene al cervello
Microbiota intestinale: potrebbe fermare il tumore del colon-retto
Come percepiamo gli odori? Con le mappe topografiche cerebrali

Due parole sull'autore

manuelasteffe@laboratorionomentano.it'

Manuela Steffe

Medico, specialista in Ostetricia e Ginecologia, da quindici anni svolge la sua attività principale nell’ambito dell’infertilità, della diagnosi alle terapie di 1° e di 2° livello. Co-autrice di 27 lavori originali pubblicati su riviste nazionali ed internazionali. Ha partecipato, quale relatrice, ad 11 congressi presentando lavori originali, tutti di interesse osterico- ginecologico. E’ Responsabile del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita di 1° Livello presso il Laboratorio Clinico Nomentano.