Saturday, Aug. 24, 2019

Bambini e terme: prevenire le malattie di orecchie, naso e gola

Pubblicato da :

|

February 22, 2013

|

in:

Bambini e terme: prevenire le malattie di orecchie, naso e gola

Il ricorso ai trattamenti terapeutici con acque termali in età pediatrica, nasce dalla convinzione che, se attuato periodicamente almeno due volte l’anno, può contribuire a prevenire l’instaurarsi, il ripetersi o l’acuirsi delle patologie infettive, infiammatorie ed allergiche a carico di orecchio-naso-gola. Si tratta di malattie in continuo aumento a causa del fatto che nei bambini, da un lato, le difese immunitarie non sono ancora adeguatamente formate ed alcune strutture anatomiche non sono ancora completamente sviluppate e, dall’altro, perché vi è un sempre più imponente inquinamento ambientale.

Acque Sulfuree: le proprietà

Le acque sulfuree hanno proprietà decongestionanti, antinfiammatorie e mucolitiche. Queste capacità terapeutiche sono legate sia ad una azione locale, diretta sulle mucose dei diversi organi del distretto naso-gola, sia ad un’azione generale, indiretta, attraverso il potenziamento delle difese immunitarie.

Va sottolineato come inoltre, l’uso della terapia termale in queste patologie, in campo pediatrico, ha lo scopo di ridurre l’uso dei farmaci e di potenziare la terapia farmacologica.

Terapie termali e bambini: quando sono utili?

L’utilizzo di tali terapie si rivela particolarmente adatto in quei bambini che presentano infezione ricorrenti, con tendenza alla cronicizzazione. E’ il caso di raffreddori frequenti, sinusiti, tonsilliti, allergie respiratorie, otiti catarrali, otiti medie acute recidivanti. Orecchi, naso e gola, infatti, hanno in comune il rivestimento mucoso, quindi ogni malattia che interessi la mucosa di una delle tre parti anatomiche può coinvolgere anche le altre due.

In particolare, per quanto attiene le patologie che possono interessare l’orecchio medio, vi sono, quasi sempre, cause che possono essere ricercate anche in infiammazioni del naso e della gola. Queste ultime arrivano ad impedire la normale aerazione dell’orecchio medio con la conseguente ostruzione del canale tubarico a diversi livelli di gravità.

La sintomatologia è caratterizzata da frequenti otalgie, sordità, ovattamento auricolare. Nel bambino la malattia può non dar luogo a sintomi evidenti cosi ché il suo riconoscimento avviene anche attraverso le osservazioni dei genitori al medico: “il bambino si fa ripetere le parole” o “tiene il volume del televisore alto”, altre volte riferiscono “distrazione, irritabilità e scarso apprendimento scolastico”.

Terapie inalatorie

Le tecniche inalatorie utilizzate sono: aerosol, inalazioni, docce nasali e insufflazioni tubariche con Politzer Crenoterapico, una tecnica non dolorosa e di pari efficacia al cateterismo tubarico.

La terapia termale da risultati clinicamente evidenti già al termine del ciclo di cure, ma l’azione più importante avviene a distanza, con la riduzione del numero degli episodi infiammatori o infettivi e della loro intensità.

Potrebbero anche interessarti:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Scoliosi: correggerla con la chirurgia “flessibile”
Bambini e Denti: i consigli per la corretta igiene
Bambini: come prevenire le carie

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.