Friday, Aug. 12, 2022

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva – BPCO

Pubblicato da :

|

January 12, 2012

|

in:

Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva – BPCO

Clicca sull’immagine o qui di seguito per il VIDEO che spiega la “Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva – BPCO”

La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva, più brevemente BPCO è una malattia polmonare progressiva, non completamente reversibile. “Progressiva” significa che continua ad aggravarsi se la persona che ne è affetta continua ad essere esposta ai fattori nocivi che la generano. “Non reversibile” significa che non è possibile guarire completamente dalla BPCO ma che una certa parte dei danni che essa ha provocato nel tempo resteranno sempre a carico del paziente.

Il fattore più grave nel generare la BPCO è il fumo da sigaretta ma anche polveri ed agenti chimici quali vapori, irritanti e fumi sono altre cause documentate. Fumo di sigaro e pipa e fumo passivo sono anch’essi causa di BPCO. I danni procurati dalla BPCO si concretizzano in un’ostruzione delle vie “aeree” rendendo difficile la respirazione: tosse, catarro, fatica a respirare ne sono i sintomi.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la BPCO è la quarta causa mondiale di morte con la particolarità di essere “sotto diagnosticata” cioè i pazienti che avvertono i sintomi della BPCO tendono a non rivolgersi al proprio medico fino a quando la malattia non è sia arrivata ad uno stadio avanzato.

Diagnosticare in tempo la BPCO

Viceversa, è buona norma sottoporsi ad un controllo specialistico qualora si avvertano i sintomi della BPCO onde poter eventualmente diagnosticare la malattia ed intervenire per la sua cura attraverso trattamenti farmacologici (broncodilatatori, ecc.) e non (riabilitazione respiratoria, ossigeno-terapia, ecc.).

La Spirometria (il link apre lo specifico video tutorial) è l’esame diagnostico specifico per la valutazione della BPCO poiché esso è dedicato all’analisi delle funzionalità respiratorie. Pulsossimetria e Carbossimetria consentono a loro volta la valutazione della ossigenazione del sangue e della eventuale intossicazione di monossido di carbonio nei fumatori. Ovviamente, è fondamentale la consulenza clinica del Medico Pneumologo per la valutazione dei risultati degli esami e la definizione di un eventuale percorso terapeutico.

I danni del fumo vanno però oltre la BPCO per interessare anche l’apparato cardiocircolatorio: infatti la nicotina induce vasocostrizione e di conseguenza genera l’“ipertensione”, ovvero l’aumento patologico della pressione arteriosa, e l’ ”aterosclerosi”, cioè la formazione di placche all’interno dei vasi che riducono il calibro e possono portare ad infarto miocardico ed ictus.

Pertanto, è indicato per chi avverta i sintomi della BPCO sottoporsi ad un protocollo di screening integrato che valuti congiuntamente lo stato di salute sia dal punto di vista broncopneumologico che cardiocircolatorio.

Le Giornate del Respiro

Nella stagione invernale è più facile essere colpiti da malattie delle vie respiratorie che spesso sottovalutiamo: nei fumatori ed in coloro che hanno già sofferto di malattie a bronchi o polmoni, è necessario prevenire situazioni che potrebbero degenerare in complicazioni importanti quali la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva o BPCO.

I fumatori, poi, sono esposti ai rischi generati dall’Ossido di Carbonio che, attraverso l’inalazione del fumo, entra in circolo nel sangue abbassando il livello di ossigeno. Così, il cuore del fumatore batte più in fretta nel tentativo di pompare sufficiente ossigeno nel corpo accrescendo il rischio di problemi cardiaci. Le arterie, inoltre, sono più facilmente aggredibili dal colesterolo e questo incrementa i rischi per il sistema circolatorio fino addirittura ad attacchi di cuore e infarto.

Quali sono i sintomi della BPCO da non sottovalutare ?

  • tosse cronica più intensa al mattino e contraddistinta dalla produzione di muco;
  • rumori broncostenotici (ovvero “fischi” rivelatori di una ostruzione delle vie aeree);
  • affanno nella respirazione.

Il Nomentano offre ai Pazienti che rilevino una simile sintomatologia o che, essendo fumatori, desiderino valutare il loro stato di salute, un protocollo di prevenzione che si compone di:

  1. Spirometria  (clicca e guarda il video)
  2. Carbossimetria
  3. Colloquio con il Pneumologo

Consentendo così di valutare la funzionalità respiratoria, l’ossigenazione del sangue e l’eventuale intossicazione di ossido di carbonio e di definire con lo Pneumologo gli stili di vita più appropriati e le eventuali terapie.

Clicca e guarda i VIDEO:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Bambini e allergie: prima difesa il latte materno
Ciliopatia, colpa di un gene alterato
OMS: Tubercolosi, per debellarla occorre fare di più

Due parole sull'autore

marcogarufibozza@laboratorionomentano.it'

Marco Garufi Bozza

Il Dottor Marco Garufi Bozza si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ove, sempre con il massimo dei voti, ha anche conseguito le specializzazioni in Tisiologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio ed in Medicina del Lavoro. Ha partecipato e presentato relazioni in numerosi congressi scientifici nazionali ed internazionali. Svolge la sua attività professionale presso numerose strutture mediche della Capitale ed è il Responsabile della Branca di Allergologia e Pneumologia del Poliambulatorio Specialistico “Laboratorio Clinico Nomentano” di Monterotondo.