Sunday, Jan. 20, 2019

Epilessia: consigli per le feste natalizie

Pubblicato da :

|

December 18, 2018

|

in:

Epilessia: consigli per le feste natalizie

Lo stress psicofisico può facilitare l’insorgere di una crisi epilettica. Proprio in un periodo come le festività natalizie quando si modificano le abitudini quotidiane, aumentano così le possibili situazioni di rischio.

Perciò, in vista del Natale, la Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) ha individuato una serie di accorgimenti utili per affrontare al meglio le giornate di festa.

Nonostante le Feste rappresentino un momento di condivisione e convivialità – spiega il Professor Oriano Mecarelli, Presidente LICE –, spesso aumentano le condizioni di stress psicofisico che possono facilitare la comparsa di una crisi epilettica nei soggetti predisposti. È necessario evitare quanto più possibile queste situazioni, chiedendo anche il supporto dei familiari o amici”.

Epilessia e stress: regole di comportamento

Queste le regole della Lega Italiana contro l’Epilessia rivolte a pazienti e ai caregiver (da tenere comunque sempre presenti al di là del solo periodo natalizio):

  • non modificare troppo il ciclo sonno – veglia: durante le festività si tende a rimanere svegli fino a tardi, ma la perdita di sonno può essere uno dei fattori che facilitano la comparsa delle crisi
  • rispettare gli orari di assunzione dei farmaci antiepilettici
  • non assumere troppo alcool in quanto questo può interagire con i farmaci
  • per le persone particolarmente sensibili all’effetto di certi stimoli luminosi, non esporsi a luci artificiali intermittenti, come quelle di alcune decorazioni natalizie
  • sempre per le persone fotosensibili, essendo questo un periodo in cui si trascorre più tempo a casa, ricordarsi di limitare il tempo davanti alla tv, di non stare troppo in prossimità dello schermo, di interrompere frequentemente la visione e di illuminare l’ambiente circostante (precauzioni valide soprattutto in caso di schermi di vecchia generazione)
  • uso dei videogiochi: l’effetto facilitante della stimolazione luminosa, il ruolo dello stress emotivo legato al gioco stesso e l’intensità e il tipo di colore delle immagini possono contribuire alle crisi epilettiche (nel complesso sono eventi comunque molto rari). Occorre, quindi, evitare che i bambini e i ragazzi giochino troppo vicini allo schermo e troppo a lungo
  • durante le Feste, aumenta la possibilità di contrarre l’influenza stagionale e la febbre alta nei bambini piccoli può a volte determinare la comparsa di crisi febbrili. Nel caso degli anziani, se non fosse stato fatto il vaccino (comunque assolutamente consigliato per un soggetto con epilessia), bisogna rivolgersi al proprio medico di base per conoscere le eventuali interazioni degli antiepilettici con gli altri farmaci

Crisi Epilettica: come intervenire

Durante le festività ed in particolare a Capodanno può accadere di assistere ad una crisi epilettica in piazza o in un locale. In queste situazioni è fondamentale saper agire per proteggere la persona colpita dalla crisi ed evitare le possibili conseguenze. Queste le azioni principali da tenere a mente:

  • non mettere nulla in bocca
  • non cercare di immobilizzare la persona e metterle qualcosa di morbido sotto la testa;
  • allentare gli indumenti troppo stretti e girare la persona su di un fianco per far defluire le secrezioni dalla bocca;
  • misurare la durata della crisi ed offrire il giusto aiuto alla sua fine.

Se la crisi dovesse durare più di cinque minuti, chiamare l’ambulanza

Epilessia: precauzioni in viaggio

In caso ci si metta in viaggio, ecco alcune regole:

  • portare con sé i farmaci abituali, trasportandoli nel bagaglio a mano. Avere una prescrizione del farmaco in caso di smarrimento dei bagagli;
  • se è stato programmato un viaggio verso un paese caldo o tropicale, informarsi sull’eventuale necessità di vaccinazioni. La maggior parte dei vaccini è sicura, ma alcuni farmaci per la profilassi antimalarica sono controindicati. Informarsi con il proprio neurologo o presso l’Ufficio di Igiene;
  • portare con sé la lista dei contatti utili, la descrizione delle possibili crisi e le istruzioni su cosa fare e chi contattare in caso di emergenza. Per chi va all’estero, portare una traduzione della documentazione medica nella lingua locale e/o in inglese.
Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Sinapsi artificiali: in futuro protesi sinaptiche per il cervello?
Ecografia: utilizzarla per vedere i nervi e guidare l’anestesista
Bronchiolite: prevenzione e prime cure

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.