Sunday, Mar. 24, 2019

Alzheimer: Proteina Tau possibile predittore

Pubblicato da :

|

December 20, 2018

|

in:

Alzheimer: Proteina Tau possibile predittore

I ricercatori del National Institutes of Health – primario ente di ricerca scintifica statunitense – hanno sviluppato un test ultrasensibile in grado di rilevare una proteina “corrotta” associata al morbo di Alzheimer e all’Encefalopatia Traumatica Cronica (CTE). Quest’ultima è una patologia riscontrata in atleti, veterani militari e altre persone con una storia di traumi cerebrali ripetitivi.

La scoperta potrebbe portare alla diagnosi precoce di queste malattie neurologiche aprendo la strada a nuove alternative terapeutiche. Lo studio è pubblicato su Acta Neuropathologica.

Proteine Tau, Alzheimer e Encefalopatia Traumatica Cronica

I ricercatori sono riusciti ad adattare un test diagnostico originariamente sviluppato per le malattie da prioni al fine di rilevare gruppi anomali di proteine Tau. Infatti, come altre proteine coinvolte in malattie neurologiche, i gruppi di proteine Tau possono svilupparsi e contribuire in modo sostanziale ai processi patologici dell’Alzheimer e delle CTE. Lo studio ha coinvolto campioni cerebrali di 16 pazienti affetti da Alzheimer, due boxer con CTE e numerosi casi di controllo di altre malattie cerebrali.

Il test AD RT-QuIC

Il test si chiama AD RT-QuIC: “conversione indotta in tempo reale dalla malattia di Alzheimer” ed è caratterizzato dall’essere estremamente

alzheimer proteina tau

Micrografia elettronica dei cluster di tau

sensibile.

Gli scienziati del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (un istituto sempre facente capo al NIH) hanno sviluppato il RT-QuIC circa un decennio fa per rilevare la Creutzfeldt-Jakob (CJD) e altre malattie da prioni.

Da allora, lo hanno ripetutamente migliorato e adattato per rilevare altre malattie neurologiche, quali il Parkinson e la demenza con corpi di Lewy.

Proteina Tau “marcatore” biologico dell’Alzheimer

Quest’ultima scoperta potrebbe segnare un importante passo avanti per la diagnosi del morbo di Alzheimer. Infatti lo studio indica la proteina Tau come potenziale “marcatore” biologico per la malattia di Alzheimer nel cervello.

I ricercatori stanno adesso testando terapie per rallentare l’accumulo di gruppi di tau e la progressione della malattia neurologica.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Cervello: increspature elettriche per ritrovare i ricordi
Parkinson: risonanza magnetica per confermare la diagnosi
Astrociti contro Alzheimer e Parkinson

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.