Thursday, Nov. 14, 2019

OMS: Tubercolosi, per debellarla occorre fare di più

Pubblicato da :

|

October 18, 2019

|

in:

OMS: Tubercolosi, per debellarla occorre fare di più

Cresce il numero di persone nel mondo curate per la tubercolosi. Nel 2018, grazie al miglioramento delle capacità di diagnosi anche precoce, ben 7 milioni di persone sono state diagnosticate e curate per la tubercolosi. Nel 2017, erano state 6,4 milioni nel 2017. Dunque un incremento considerevole che consente di raggiungere una delle milestone verso gli obiettivi della dichiarazione politica delle Nazioni Unite sulla tubercolosi che prevede di porre fine alla tubercolosi epidemica entro il 2030.

Organizzazione mondiale Sanità: Rapporto Globale Tubercolosi 2019

organizzazione mondiale sanità OMS rapporto glbale tubercolosi 2019L’ultimo rapporto mondiale sulla tubercolosi dell’OMS afferma che anche il 2018 ha visto una riduzione del numero di decessi per tubercolosi: 1,5 milioni di persone sono morte di tubercolosi nel 2018, in calo rispetto a 1,6 milioni nel 2017. Il numero di nuovi casi di tubercolosi è in costante calo negli ultimi anni. Tuttavia, il peso di questa malattia rimane elevato tra le popolazioni a basso reddito ed emarginate: circa 10 milioni di persone hanno sviluppato la tubercolosi nel 2018.

Oggi segniamo il superamento della prima pietra miliare nello sforzo di raggiungere persone che hanno perso i servizi per prevenire e curare la tubercolosi“, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS.

Questa è la prova che possiamo raggiungere obiettivi globali se uniamo le forze insieme, come abbiamo fatto attraverso l’iniziativa congiunta Find.Treat.All.EndTB di OMS, Stop TB Partnership e Global Fund for Fight AIDS, TB and Malaria“.

L’ultimo rapporto globale sulla tubercolosi dell’OMS, evidenzia che è necessario accrescere l’impegno globale per essere in grado di raggiungere l’obiettivo di porre fine alla tubercolosi entro il 2030. Il rapporto rileva inoltre che circa 3 milioni di persone con tubercolosi continuano a non ricevere le cure di cui hanno bisogno.

Tubercolosi: i numeri

La tubercolosi (TB) è causata da batteri (Mycobacterium tuberculosis) che spesso colpiscono i polmoni. La tubercolosi è curabile e prevenibile.

Circa un quarto della popolazione mondiale ha una tubercolosi latente, il che significa che le persone sono state infettate da batteri della tubercolosi ma non sono (ancora) malate della malattia e non possono trasmetterle. L’onere più elevato di tubercolosi nel 2018 è in 8 paesi: Bangladesh, Cina, India, Indonesia, Nigeria, Pakistan, Filippine e Sudafrica.

Brasile, Cina, Federazione Russa e Zimbabwe, che hanno tutti un elevato carico di tubercolosi, hanno raggiunto livelli di copertura del trattamento di oltre l’80%.

Il ruolo della copertura universale

Oggi in molti paesi, infrastrutture sanitarie fragili e carenza di personale rendono difficile fornire una diagnosi tempestiva e i giusti trattamenti per la tubercolosi. I “sistemi di segnalazione” deboli sono un altro problema: gli operatori sanitari possono curare le persone ma non possono registrate adeguatamente i casi presso le autorità nazionali, dando un quadro incompleto delle epidemie nazionali e delle esigenze di servizio.

Inoltre, fino all’80% dei pazienti affetti da tubercolosi nei paesi dove questa malattia è più radicata spendono oltre il 20% del loro reddito familiare annuale per curare la malattia.

Inoltre, la metà dei bambini con tubercolosi non accede a cure di qualità e solo un quarto dei bambini al di sotto dei 5 anni nelle famiglie affette da tubercolosi attualmente ricevono un trattamento preventivo.

tubercolosi statistiche epidemiologia organizzazione mondiale sanità

Affrontare la resistenza ai farmaci anti tubercolosi

La resistenza ai farmaci rimane un altro ostacolo alla fine della turcolosi. Nel 2018, ci sono stati circa mezzo milione di nuovi casi di tubercolosi resistente ai farmaci. Solo una su tre di queste persone è stata arruolata in trattamento.

Le nuove linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mirano a migliorare il trattamento della tubercolosi resistente a più farmaci, passando a regimi completamente orali più sicuri ed efficaci.

L’OMS sta lavorando a stretto contatto con paesi, partner e società civile per accelerare la risposta alla tubercolosi“, ha affermato la dott.ssa Tereza Kasaeva, direttrice del programma globale per la tubercolosi dell’OMS. ”Lavorare in diversi settori è fondamentale se vogliamo finalmente avere la meglio su questa terribile malattia e salvare vite umane“.

Finanziare la lotta alla tubercolosi

organizzazione mondiale sanità rapporto tubercolosi 2019La lotta contro la tubercolosi rimane cronicamente sottofinanziata. L’OMS stima il deficit di prevenzione e cura della tubercolosi nel 2019 a 3,3 miliardi di dollari. I finanziamenti internazionali (che sono fondamentali per molti paesi a basso e medio reddito) ammontano a 0,9 miliardi di dollari nel 2019, con il 73% proveniente dal Fondo Globale.

Il principale donatore bilaterale è il governo degli Stati Uniti, che fornisce quasi il 50% del totale dei finanziamenti dei donatori internazionali per la tubercolosi.

C’è un urgente bisogno di finanziamenti per la ricerca sulla tubercolosi. Si stima che sarebbero necessari ulteriori 1,2 miliardi di dollari all’anno. Le esigenze prioritarie comprendono un nuovo vaccino o un efficace trattamento farmacologico preventivo; test diagnostici rapidi al punto di cura; regimi farmacologici più sicuri, più semplici e più brevi per il trattamento della tubercolosi.

Per accelerare la ricerca e l’innovazione della tubercolosi, l’OMS sta sviluppando una strategia globale“, aggiunge Kasaeva. ”Stiamo collaborando con il mondo accademico, reti di ricerca come la rete di ricerca BRICS TB e partner tra cui la Bill & Melinda Gates Foundation, l’UNITAID e altri nel tentativo di mettere in pratica le innovazioni per spezzare la traiettoria dell’epidemia di tubercolosi“.

Gli Obiettivi Globali per la Tubercolosi

SDG 3.3 include l’obiettivo di porre fine all’epidemia di tubercolosi entro il 2030

La strategia per la tubercolosi globale approvata dall’Assemblea Mondiale della Sanità mira a una riduzione del 90% dei decessi per tubercolosi e una riduzione dell’80% del tasso di incidenza della tubercolosi entro il 2030 rispetto ai livelli del 2015. La strategia ha fissato le milestone per il 2020 in una riduzione del 35% dei decessi per tubercolosi e in una riduzione del 20% del tasso di incidenza della tubercolosi rispetto ai livelli del 2015.

La Dichiarazione delle Nazioni Unite sulla tubercolosi nel 2018 include 4 nuovi obiettivi globali:

  • trattare 40 milioni di persone per la tubercolosi nel quinquennio 2018-22 (7 milioni nel 2018)
  • sottoporre a trattamento di prevenzione almeno 30 milioni di persone per tubercolosi latente nel quinquennio 2018-22
  • mobilitare almeno 13 miliardi di dollari all’anno per l’accesso universale alla diagnosi, al trattamento e alle cure della tubercolosi entro il 2022
  • mobilitare almeno 2 miliardi di dollari all’anno per la ricerca sulla tubercolosi
Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Ciliopatia, colpa di un gene alterato
Fibrosi Polmonare Idiopatica: Pamrevlumab possibile nuova cura
Problemi della vista: toccano 2,2 miliardi di persone al mondo

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.