Friday, Nov. 16, 2018

Ortobiologia: tessuti e cartilagini nuovi per tornare in forma

Pubblicato da :

|

January 21, 2018

|

in:

Ortobiologia: tessuti e cartilagini nuovi per tornare in forma

Oggigiorno tutti vogliamo mantenere sempre più a lungo la forma fisica e la libertà di movimento. L’allungamento dell’aspettativa di vita e la pratica degli sport fino ad età sempre più avanzata stanno, però, mettendo a rischio tutto ciò, causando una sempre più frequente usura da artrosi delle articolazioni e della cartilagine che le riveste.

Si deve quindi correre ai ripari. Come fare? Iniziamo a considerare le nostre anche, ginocchia e caviglie finalmente importanti tanto quanto gli altri organi, per i quali siamo già abituati da anni ad effettuare regolarmente accertamenti e cure preventive. Sono davvero convinto che sia arrivata l’ora della svolta!

Ortobiologia: Ortopedia + Medicina Rigenerativa

Oggi ciò è divenuto possibile tramite l’avvento della Medicina Rigenerativa, che, abbinata alla Ortopedia, ha portato alla formazione della Ortobiologia, disciplina nella quale, insieme ad altri pochi colleghi come me appassionati, già da anni promuoviamo la riparazione e la ricrescita dei tessuti utilizzando i nostri stessi tessuti e cellule e componenti, prima che si renda indispensabile la sostituzione delle articolazioni malate con giunzioni artificiali.

I precursori cellulari

Alla comparsa dei primi dolori o rigidità’ e scricchiolii, si prelevano alcuni precursori cellulari da tessuti quali il grasso, il midollo osseo ed il sottocute. Attraverso procedure mini-invasive, si aumenta la concentrazione di tali cellule iniettate ambulatorialmente (in anestesia locale) nelle articolazioni. Il fine è quello di risvegliare gli elementi cellulari dormienti in esse presenti, così da avviare la rigenerazione e la ricrescita della cartilagine, del muscolo o del tendine leso. Nel contempo si apportano importanti azioni anti-infiammatorie e quindi antidolorifiche. La letteratura ha già confermato la validità e la maggior durata dei risultati rispetto alle ben conosciute infiltrazioni di acido ialuronico.

Lo Scaffold

Quando il danno è più avanzato ed ha determinato un vero e proprio “buco” lungo il profilo del femore, della tibia, dell’omero o dell’astragalo è possibile, in artroscopia, e, quindi solo tramite due tagli di pochi millimetri, introdurre uno “scaffold”, cioè’ una impalcatura, ad esempio di collagene – imbevuta delle cellule di cui ho parlato – per riempire il “difetto” e riparare il danno. L’articolazione ne riceve nuova vitalità’ e possibilità’ di riprendere ogni attività’ anche sportiva nell’arco di pochi mesi…sulle proprie gambe!!!

Considero questa una svolta epocale. Ho recentemente pubblicato gli ottimi risultati di queste tecniche da me sviluppate in riviste sia nazionali che internazionali. Continuo intensamente le ricerche, anche come membro dei comitati direttivi della Società Mondiale di Riparazione della Cartilagine; il percorso da compiere è lungo e il lavoro da fare è ancora tanto.

Dalla nostra abbiamo però l’entusiasmo di una equipe di lavoro in cui biologi, clinici di base, chirurghi ortopedici e riabilitatori si spronano ed aiutano l’un l’altro condivivendo esperienze e capacità per un successo condiviso.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Ciclina D3: se non c’è, i muscoli resistono di più
Distrofia muscolare di Duchenne: identificato nuovo meccanismo
Artrite: scopriamo vera causa dell’infiammazione

Due parole sull'autore

fabiosciarretta@laboratorionomentano.it'

Fabio Sciarretta

Il Dott. Fabio Sciarretta è specializzato in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Chirurgo ortopedico, ha prestato servizio in qualità di dirigente sanitario presso l’Ospedale San Giovanni Battista di Roma, presso il Reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Civile di Velletri e presso l’Ospedale Israelitico di Roma. Svolge attualmente la sua attività professionale presso diverse case di cura romane. E’ stato relatore in oltre 40 congressi nazionali ed internazionali ed ha al suo attivo 38 pubblicazioni.