Tuesday, Sep. 25, 2018

Dopo il Binge Drinking la dipendenza da alcol

Pubblicato da :

|

August 23, 2018

|

in:

Dopo il Binge Drinking la dipendenza da alcol

Il binge drinking – l’abbuffata alcolica del week end – può portare gli adolescenti alla dipendenza da alcol con la conseguenza di un aumento dell’incidenza delle malattie alcol-correlate nella popolazione adulta della prossima generazione.

Lo dimostra uno studio effettuato presso la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS – Università Cattolica e pubblicato sulla rivista Scientific Reports del gruppo editoriale Nature, dal team del prof. Giovanni Addolorato, direttore dell’Unità Operativa Patologie Alcol-correlate e del prof. Antonio Gasbarrini, direttore Area Gastroenterologia ed Oncologia Medica.

Binge drinking: che cos’è?

Il binge drinking è una modalità di assunzione di alcolici caratterizzata dall’assunzione di oltre 4-5 Unità Alcoliche (drinks) in unica occasione e in breve tempo, lontano dai pasti e per avvertire gli effetti psicotropi del cosiddetto ”sballo”.

Una unità alcolica, pari a circa 12,5 grammi di etanolo, corrisponde a circa 125 millilitri di vino a media gradazione – quindi un bicchiere – o 330 mL di birra – una lattina o una bottiglia – o 30 mL di super alcolici – un bicchierino da bar.

Lo studio ha dimostrato che tale comportamento, spesso ritenuto – sottostimandone la reale pericolosità – un “normale passaggio adolescenziale” è un fattore di rischio per lo sviluppo di alcol-dipendenza.

Lo studio ha coinvolto 2.704 giovani di età compresa tra i 13 e i 20 anni delle scuole superiori di Roma e Lazio. I ragazzi hanno compilato questionari per valutare il loro consumo di bevande alcoliche, di fumo, l’uso di droghe e il quadro psicologico individuale.

Circa l’80% del campione ha dichiarato di consumare bevande alcoliche.

Binge Drinking e dipendenza da alcol

Il 6,1% dei soggetti intervistati presentava un disturbo da uso di alcol, in particolare il 4,9% presentava una diagnosi di abuso di alcol mentre il rimanente 1,2 % presentava una diagnosi di dipendenza da alcol.

La quota dei ragazzi con diagnosi di alcol-dipendenza era esclusivamente presente nel gruppo di giovani habitué del binge drinking – fa notare il professor Addolorato – mentre era assente in chi non era solito a questo comportamento; questo indica che il binge drinking è un fattore di rischio molto forte per lo sviluppo di dipendenza da alcol nei ragazzi”.

Il disturbo da uso di alcol, l’abuso di alcol e la dipendenza vera e propria sono risultati più frequenti nei giovani habitué del binge drinking.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Strategie per il Diabete: intervista a Marco Songini
Malattie non trasmissibili: Italia basso rischio di morte
Alcolismo: 3 milioni di morti l’anno nel mondo

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.