Tuesday, Oct. 4, 2022

Ginnastica Post Parto: sosteniamo il pavimento pelvico !

Pubblicato da :

|

December 2, 2013

|

in:

Ginnastica Post Parto: sosteniamo il pavimento pelvico !

La ginnastica post parto serve a ripristinare le condizioni e le funzionalità muscolari ottimali dopo il parto. Sono infatti molti i muscoli che contribuiscono a ripristinare le normali funzioni dell’organismo dopo il parto – quali i muscoli dell’addome o quelli diaframmatici – ma, in particolare, i muscoli del pavimento pelvico sono quelli più sollecitati dallo stress del parto e della gravidanza e per questo meritano un’attenzione particolare.

Il Pavimento pelvico

Il pavimento pelvico (o muscoli pelvici o muscoli perineali) identificano un insieme di muscoli situati all’interno del bacino proprio alla sua base. Essi svolgono molteplici funzioni fisiologiche che vanno dal sostegno degli organi interni – quali l’apparato urinario, l’apparato riproduttivo e gli organi contenuti nell’addome – alla regolazione e controllo della minzione. Tali funzioni sono particolarmente sollecitate nel periodo di gestazione e nel post parto.

Ginnastica post parto: quattro esercizi

Passando ora all’aspetto pratico, il primo esercizio di ginnastica post parto che si può proporre è quello detto del “pipì stop”. Questo serve per riconoscere i muscoli giusti da allenare. Consiste nell’interrompere per pochi secondi il getto delle prime urine. Una volta fatto il test, non vanno più trattenute le urine perché potrebbero causare ristagni in vescica favorendo l’insorgenza di infezioni.

Il secondo esercizio consiste nel mettersi sdraiati e fare delle piccole contrazioni volontarie così come quando si intende interrompere il getto urinario. Dieci contrazioni di 5 secondi ciascuna con un rilassamento di dieci secondi tra l’una e l’altra sono sufficienti.

Il terzo esercizio è una contrazione progressiva con intensità crescente dei muscoli perineali (cioè il pavimento pelvico) per poi rilasciarli gradualmente. Il quarto esercizio è semplicemente una camminata o una generica attività fisica.

Svolgendo qualunque attività fisica, infatti, i muscoli del pavimento pelvico entrano in funzione, in quanto muscoli di sostegno degli organi interni al bacino.

Salvaguardare il pavimento pelvico: i consigli

Oltre alla ginnastica post parto, ecco alcuni consigli utili per salvaguardare la tenuta del perineo:

  • tenere contratti i muscoli del perineo quando si fa uno starnuto o un colpo di tosse, che comportano una maggior pressione sul basso addome e quindi sulla vescica;
  • evitare la stitichezza che aumenta lo sforzo durante l’evacuazione e quindi indebolisce il pavimento pelvico;
  • non sollevare pesi eccessivi;
  • non aumentare troppo di peso nei nove mesi di gestazione;
  • evitare di stare troppo a lungo in piedi.

Eseguire con continuità gli esercizi, riduce la durata della incontinenza urinaria dovuta alla dilatazione del pavimento pelvico a seguito della gravidanza ed anche del rilassamento vaginale che si può verificare nei primi tempi dopo il parto prevenendo il prolasso genitale.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Tinture per capelli e tumore al seno: quale relazione?
Acido Folico: riduce drasticamente i Difetti del Tubo Neurale
Diabete in gravidanza potrebbe alterare capacità cognitive dei nascituri

Due parole sull'autore

fiorentino@laboratorionomentano.it'

Mauro Cipullo Fiorentino

Il Dott. Mauro Cipullo Fiorentino ha conseguito la laurea in Pedagogia presso l’Università degli Studi di “Roma Tre”. Successivamente, si è laureato in Scienze Motorie e specializzato in Attività Motorie Preventive ed Adattate presso l’Università degli Studi di Roma Foro Italico “Roma 4”. Ha operato in diversi centri fisioterapici in qualità di massofisioterapista, e svolge attualmente la sua attività professionale presso il suo studio di Monterotondo.