Saturday, Aug. 15, 2020

I traumi da calcio: il punto di vista del radiologo

Pubblicato da :

|

March 16, 2012

|

in:

I traumi da calcio: il punto di vista del radiologo

Giocare a calcio è da sempre uno sport particolarmente diffuso nella popolazione maschile e, da qualche anno a questa parte, lo sta diventando anche tra quella femminile. Inoltre, al classico calcio a 11, riservato in molti casi a giocatori che, se non professionisti, sono comunque piuttosto allenati, si sono piano piano aggiunte varianti di diversa tipologia numerica, quali il calcio a cinque o a otto che hanno aperto la strada del campo di calcio anche a praticanti più “domenicali” o “serali”

Anche le caratteristiche dei campi da calcio o calcetto sono mutate con superfici più dure e dimensioni più ridotte che portano ad un gioco più “nervoso” e veloce. Così, i traumi o comunque gli incidenti di gioco, sono a mio parere aumentati in maniera rilevante negli ultimi decenni. In particolare i traumi che più frequentemente giungono alla osservazione del radiologo sono quelli alla caviglia, al ginocchio, alla spalla ed alle mani in quest’ordine.

Ecografia della Spalla e della Caviglia

È parere diffuso che la prima indagine da eseguire per valutare un evento traumatico articolare, sia la “radiografia” o, come si suol dire la “lastra”. È in tale maniera possibile escludere la presenza di fratture più meno importanti. In seconda istanza, la metodica più usata è sicuramente l’ecografia. Risulta infatti particolarmente agevole, in mani esperte, valutare in maniera ottimale il compartimento legamentoso soprattutto dell’articolazione della caviglia e della spalla. Contestualmente si può escludere o confermare la presenza di una quota fluida di versamento intra articolare.

Ginocchio: ecografia e risonanza

Nell’articolazione del ginocchio gli ultrasuoni, cioè l’ecografia, confermano o escludono la presenza di una quota di versamento e sono legamenti del ginocchio legamento crociatoparticolarmente indicati nella valutazione del compartimento dei legamenti collaterali esterni, interni e del legamento sotto rotuleo.

Qualora lo specialista ortopedico ritenga opportuno eseguire ulteriori approfondimenti diagnostici, la metodica più indicata è sicuramente la risonanza magnetica: infatti, la risoluzione spaziale e di contrasto nelle articolazioni suddette, è ottimale, permettendo una eventuale valutazione pre operatoria particolarmente fedele. La risonanza magnetica è peraltro la metodica da eseguire nel decorso post operatorio e nelle non auspicabili complicazioni.

Leggi anche interessarti gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Sciare in sicurezza: ecco i consigli
Inquinamento atmosferico aumenta rischio osteoporosi e fratture
Bambini: più sport meno malattie infettive

Due parole sull'autore

francescovulterini@laboratorionomentano.it'

Francesco Vulterini

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con il massimo dei voti, il dottor Francesco Vulterini si è specializzato presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma in “Scienza delle Immagini - Radiologia Diagnostica”. Ha operato prima presso la USL RM 30 nei presidi di Colleferro-Valmontone e dal 1996 presso il polo ospedaliero Palestrina-Zagarolo della USL RMG. Dal 1999 presta servizio presso l’Ospedale Nuovo Regina Margherita di Roma nel reparto di Radiologia. Consulente radiologo dell’IPA, l’istituto di previdenza per i dipendenti del Comune di Roma e della Clinica Mater Dei, è Responsabile del Servizio di Radiologia del Poliambulatorio Specialistico Nomentano.