Tuesday, Aug. 20, 2019

Diamo un “calcio” agli infortuni

Pubblicato da :

|

March 6, 2012

|

in:

Diamo un “calcio” agli infortuni

Distorsioni, rottura dei legamenti crociati del ginocchio, lesioni muscolari: è abbastanza facile farsi male mentre si gioca a calcio. Chiunque abbia giocato a calcio in ogni sua declinazione (calcetto, calciotto, ecc.), sa che il rischio di tornare a casa con dolori più o meno seri è molto elevato.

L’incidenza degli infortuni dipende dall’intensità e dalla velocità di gioco, dalle condizioni ambientali (pensiamo alle partite giocate in notturna, nella stagione invernale), ma anche dal grado di allenamento e forma fisica, e da una più o meno opportuna fase di riscaldamento pre-gara.

E’ per quest’ultima ragione che l’organo supremo del calcio giocato, la Fédération Internationale de Football Association – meglio conosciuta come F.I.F.A – con il suo centro di ricerca e di valutazione medica, ha messo a punto un programma specifico, denominato “The 11+” (eleven plus).

Ridurre gli infortuni con il Riscaldamento

L’obiettivo non è tanto quello di migliorare le performance dei giocatori in campo, bensì quello di prevenire gli infortuni. In generale, il programma “The 11+” punta a potenziare caviglie e ginocchia, rendere più forti e flessibili tronco e gambe e a migliorare coordinazione, velocità e resistenza.

Il riscaldamento si articola in tre fasi distinte: una prima dedicata alla corsa, una centrale, dedicata alla forza e all’equilibrio, e una terza, più breve, ancora basata sul running. Numerosi studi scientifici, pubblicati in altrettante autorevoli riviste del settore, dimostrano come pochi minuti dedicati ad esercizi semplicissimi, siano in grado di ridurre in modo drastico l’incidenza di infortuni sia a livello legamentoso, che tendineo-muscolare nel calciatore dilettante. Clicca qui di seguito per consultare e scaricare il materiale per svolgere un corretto “The 11+”.

Potrebbero anche interessarti gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Scoliosi: correggerla con la chirurgia “flessibile”
Ad ogni età il suo Sport: i consigli SIOT
Ciclina D3: se non c’è, i muscoli resistono di più

Due parole sull'autore

emanuelegraziani@laboratorionomentano.it'

Emanuele Graziani

Il Dottor Emanuele Graziani è laureato in medicina e chirurgia e specializzato in medicina dello sport, ha conseguito un master in “agopuntura e moxibustione”. Fa parte dell’Equipe Medica della Federazione Italiana Scherma e collabora in progetti che vedono le attività sportive condotte in ambienti climatici particolari.