Friday, Sep. 20, 2019

Virus West Nile: la risposta dalla ricerca italiana

Pubblicato da :

|

March 13, 2019

|

in:

Virus West Nile: la risposta dalla ricerca italiana

Il virus West Nile, trasportato dalle zanzare, è divenuto ormai una crescente minaccia anche in alcune zone dell’Italia soprattutto in condizioni climatiche di caldo umido.

L’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia e dall’Università di Siena hanno sviluppato una nuova famiglia di inibitori dell’enzima cellulare DDX3X, efficace nel bloccare la replicazione del virus West Nile in cellule umane, senza danneggiare le cellule sane. Lo studio è pubblicato su Journal of Medicinal Chemistry, della American Chemical Society e segue un altro recente lavoro, dello stesso team di ricerca, che ha individuato la prima molecola capace di inibire la replicazione di diversi virus (tra cui Epatite C, HIV, Dengue) agendo sull’enzima DDX3X.

Si apre così la possibilità di mettere a punto nuovi farmaci specifici.

Il virus di West Nile è trasmesso da zanzare presenti nel nostro paese, ed è responsabile in Italia di numerose infezioni ogni anno, anche con complicanze neurologiche gravi. Inoltre questo virus infetta ogni anno milioni di persone in tutto il mondo. Ad oggi non esistono farmaci per combatterlo,” commenta Giovanni Maga dell’Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Pavia. “Il nostro approccio è altamente innovativo perché utilizza un enzima cellulare per bloccare la replicazione di un virus. Si tratta di rendere la cellula un ambiente sfavorevole per la moltiplicazione del virus”.

Ad oggi i farmaci antivirali sono diretti contro proteine del virus, che mutando rapidamente possono diventare resistenti.

Inibitori enzima DDX3X bloccano replicazione del virus West Nile

La nostra strategia, invece, è in grado di superare questo ostacolo. Gli inibitori dell’enzima DDX3X si sono rivelati efficaci nel bloccare la replicazione del virus West Nile in cellule umane, senza danneggiare le cellule sane. Inoltre, virus diversi, tra cui Dengue e Zika, dipendono da DDX3X per la loro replicazione, per cui le nostre molecole potrebbero diventare farmaci ad ampio spettro contro virus emergenti, che oggi non sono ancora disponibili”, conclude Botta. “Queste molecole, dotate di promettenti proprietà farmacocinetiche, aprono la strada per la formulazione di una classe innovativa di farmaci diretti contro il virus West Nile e altri virus emergenti”.

Questo lavoro è stato reso possibile grazie al sostegno economico della Regione Toscana e da First Health Pharmaceuticals B. V.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Nanovettori alla ferritina per veicolare i farmaci anti tumore
Tumori Pediatrici: cresce l’aspettativa di vita
Vaccino Tat contro HIV apre nuova strada per controllo infezione

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.