Tuesday, Dec. 6, 2022

Bambini e primavera: come regolarsi

Pubblicato da :

|

March 31, 2015

|

in:

Bambini e primavera: come regolarsi

Per i bambini la primavera ha pregi e difetti. Susanna Esposito, Direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, indica precauzioni e comportamenti per mantenere sani i nostri bambini anche in questo periodo. Vediamo un po’.

1. Giocare all’aria aperta e fare sport è molto importante per la salute dei bambini

VERO. L’attività fisica regolare in età pediatrica è fondamentale sia nel bambino sano che affetto da malattie respiratorie croniche. E’ anche un’importante prevenzione dell’obesità e strumento per un corretto sviluppo osseo. L’attività fisica, poi, è un momento di gratificazione e di divertimento che induce il bambino a continuare l’attività fisica e a sentirsi soddisfatto quando la fa. Gli sport di squadra migliorano le capacità sociali e le capacità cognitive attraverso l’esplorazione dell’ambiente e l’acquisizione di nuove esperienze.

2.  Nei bambini, soprattutto nei più piccoli, è concesso mangiare un po’ di tutto e le infezioni alimentari in età pediatrica sono rare

FALSO.L’alimentazione deve essere sana fin da piccolissimi. Durante le vacanze pasquali non esagerare con le uova di cioccolato che devono

susanna esposito bambini primavera

Susanna Esposito

essere di buona qualità. I bambini, in particolare se con meno di sei anni, sono più a rischio degli adulti di contrarre infezioni alimentari perché le loro difese immunitarie non sono del tutto mature.

Salame e insaccati insieme a conserve di frutta e verdura fatte in casa, possono essere all’origine di intossicazioni importanti come il botulismo. Uova crude e verdure non lavate presentano il  rischio della salmonellosi.

Sì, infine, ai gelati artigianali ma mangiati in posti conosciuti: i derivati di uova crude come gelati e dolci alla crema, oltre alla maionese e salse varie, sono alimenti responsabili delle intossicazioni da Staphylococcus aureus.

3. Durante la primavera, quando si gioca all’aperto o si trascorrono varie ore sotto il sole bisogna proteggersi dal sole e adottare un abbigliamento adeguato

VERO. E’ fondamentale scegliere un’esposizione al sole in sicurezza: l’esposizione ai raggi solari è sempre consigliata perché aumenta la trasformazione di vitamina D ma anche durante la stagione primaverile utilizzate sempre creme solari ad alta protezione proteggendo i bambini con cappellini e occhiali da sole. Riguardo l’abbigliamento, non coprite troppo i vostri bambini quando giocano all’aperto ma non abbiate neanche fretta di scoprirli al primo sole, meglio vestirli a strati. I forti sbalzi termici di questa stagione e una termoregolamentazione meno efficiente nel bambino comportano maggiori rischi di malattie da raffreddamento.

4. In caso di viaggi o escursioni è necessario portare sempre con sé un kit di primo soccorso

VERO. Da includere anche prodotti repellenti contro le punture di zanzare e zecche (queste ultime presenti soprattutto in montagna). Gli insetti che più frequentemente scatenano problemi allergici da punture sono api, vespe, calabroni, tafani, formiche e zanzare e colpiscono le zone più esposte e scoperte del corpo come viso, braccia, gambe, caviglie e mani.

5. In primavera è difficile ammalarsi

FALSO. Sebbene le sindromi influenzali e le virosi siano malattie stagionali che si manifestano soprattutto nel periodo invernale, le forti escursioni termiche della primavera e gli sbalzi di temperatura favoriscono lo scatenarsi di raffreddori ed episodi febbrili. Questi spesso si risolvono in pochi giorni senza l’utilizzo di farmaci o, nei casi di febbre oltre i 38°C, è consigliabile l’uso di antipiretici. In caso di raffreddore e sintomi alle alte vie respiratorie non andrebbero usati gli antibiotici che eliminano i batteri e non i virus contro i quali, invece, sono inefficaci.  In presenza dei primi sintomi rivolgersi al medico il quale, solo dopo la visita, sarà in grado di decidere se prescrivere o meno farmaci antibiotici o richiedere eventuali esami diagnostici.

Leggi anche gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Complicazioni post chirurgiche: occhio al fumo
Bambini e allergie: prima difesa il latte materno
Bambini: quante proteine devono mangiare?

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.