Thursday, Aug. 22, 2019

Ecografia dei testicoli: a cosa serve?

Pubblicato da :

|

March 27, 2015

|

in:

Ecografia dei testicoli: a cosa serve?

Le situazioni cliniche più comuni per le quali il paziente effettua un’ ecografia dei testicoli sono fondamentalmente:

Aumento di volume dei testicoli non associato a dolore

Può coinvolgere uno o ambedue i testicoli e può essere dovuto a diverse cause quali malattie della borsa scrotale (edema idiomatico, edema scrotale da stasi), malattie del funicolo spermatico (spermatocele, idrocele, tumori), malattie del testicolo (tumori, cisti), malattie extra-scrotali (ernia inguino-scrotale).

Idrocele

Un Aumento di volume dei testicoli senza dolore ha la sua causa più frequente nell’idrocele, cioè una raccolta di liquido tra i due foglietti della testicolitunica vaginale. Se ne distinguono due forme. La prima, più frequente nel bambino, è detta idrocele comunicante ed è conseguenza della mancata chiusura del dotto peritoneo-vaginale con conseguente comunicazione tra cavità scrotale e cavità addominale. La seconda forma è più frequente nell’adulto, può essere secondaria a traumi locali, a flogosi del testicolo o dell’epididimo, a tumori o a trattamento radioterapico.

Anche una neoplasia testicolare può causare un aumento del volume e della consistenza del testicolo senza dolore particolare. I tumori testicolari sono frequenti nei soggetti giovani, 20-30 anni di età, possono raggiungere anche grandi dimensioni prima che il paziente se ne renda conto e si presenti all’esplorazione clinica ed ecografia testicolare.

Aumento di volume dei testicoli con dolore

Frequentemente determinato da flogosi che coinvolge dapprima l’epididimo e solo successivamente si estende al testicolo. Tali processi flogistici possono essere associati ad infezioni aspecifiche del tratto urinario e della prostata  o a tubercolosi, malattie sessualmente trasmissibili ed orchite post-parotitica. Altre cause meno frequenti sono rappresentate dai traumi e dall’insorgenza di emorragie o infarti  nel contesto di masse tumorali.

Dolore dei testicoli senza variazioni di volume

Può essere dovuto a cause  diverse come malattie del funicolo spermatico (torsione del funicolo spermatico, varicocele, ischemia da tromboembolia o vasculite ), malattie del testicolo (fase iniziale della torsione delle appendici del testicolo o dell’epididimo), malattie extra-testicolari (dolore da compressione delle radici nervose secondaria ad ernia del disco, colica renale).

Infertilità

Può riconoscere cause ormonali (alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi), cause testicolari (varicocele, criptorchidismo, traumi testicolari, torsione del funicolo spermatico, anomalie congenite) o infezioni delle vie seminali (epidimiti, prostatiti).

Malformazioni dei testicoli

Frequentemente rappresentate da criptorchidismo (vale a dire un arresto della normale discesa del testicolo dalla cavità addominale allo scroto), ectopia testicolare (qualora il testicolo si presenti in una sede anomala al di fuori della normale via di migrazione), testicolo mobile o retrattile ( qualora il testicolo si trovi solo transitoriamente al di fuori del sacco scrotale).

Ecografia dei testicoli: modalità e finalità

L’ ecografia dei testicoli richiede l’impiego di sonde ad elevata frequenza, viene eseguito normalmente con paziente in decubito supino, talora sono indispensabili scansioni in stazione eretta che riproducono più fedelmente le condizioni fisiologiche del circolo venoso.

La finalità dell’ ecografia testicolare è definire le caratteristiche morfologiche e strutturali del testicolo, dell’epididimo, degli annessi embrionari, del dotto deferente, del funicolo spermatico e delle tuniche scrotali.

Prima di iniziare l’ ecografia è di fondamentale importanza eseguire un’accurata anamnesi clinica, prendere in visione gli esami di laboratorio ed effettuare un esame obiettivo volto alla valutazione della simmetria e del numero dei testicoli, della loro sede, dimensione, consistenza e dolorabilità alla palpazione.

Ecocolordoppler Testicolare

L’impiego del color e power-Doppler hanno ulteriormente aumentato il ruolo dell’ecografia nello studio della patologia testicolare in quanto l’ Ecocolordoppler Testicolare permette:

  • la valutazione dell’amento della vascolarizzazione a carico dell’epididimo e del testicolo nel corso delle patologie infiammatorie;
  • una diagnosi più precoce e specifica nel caso di torsione testicolare documentando sin dalle prime ore le variazioni della perfusione dell’organo;
  • l’identificazione e la classificazione del varicocele e l’insorgenza delle eventuali recidive dello stesso dopo trattamento chirurgico.

In conclusione il ruolo dell’ecografia nella diagnostica delle patologie testicolari consiste essenzialmente nella identificazione di lesioni non apprezzabili all’esame obiettivo o nella caratterizzazione delle lesioni in cui la sola valutazione clinico-laboratoristica risulti dubbia, L’ ecografia testicolare permette inoltre di indirizzare le scelte terapeutiche e di effettuare dei follow-up nel tempo al fine di  valutare l’efficacia del trattamento terapeutico intrapreso e la eventuale insorgenza di recidive.

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Ecografia: utilizzarla per vedere i nervi e guidare l’anestesista
Fegato grasso e fibrosi epatica: studiarli con l’elastografia
Ecografia dei Tessuti Molli

Due parole sull'autore

wp@digitalgeneration.it'

Salutepiu.info

SalutePiù è focalizzata, in termini divulgativi, sui temi della salute e del benessere ma nel contempo guarda agli eventi ed alle dinamiche culturali e di costume del suo territorio di “origine”: la Sabina.