Monday, May. 27, 2019

Risolvi la lombalgia con la ginnastica posturale

Pubblicato da :

|

October 6, 2013

|

in:

Risolvi la lombalgia con la ginnastica posturale

Tra le metodiche per il trattamento delle lombalgie – ovvero il “mal di schiena” che interessa la parte inferiore della colonna vertebrale, cioè le vertebre lombari – sono ormai da tempo utilizzati vari metodi tra cui quello alla base della Ginnastica Posturale ideato da Francoise Méziéres (1909 – 1991), fisioterapeuta francese la quale, con la sua opera del 1949 “Rivoluzione della ginnastica ortopedica”, pose le base per un nuovo modo di concepire la pratica della fisioterapia.

I principi, le intuizioni e le osservazioni che caratterizzano il metodo Méziéres sono, infatti, a loro volta all’origine di molte tecniche di ginnastica posturale per il trattamento di tutti i problemi osteo-muscolo-articolari collegati alle patologie vertebrali, articolari, muscolari e dismorfiche (cioè iperlordosi, ipercifosi, ecc.).

Il Metodo Méziéres

Secondo la Méziéres è la “forma” a governare la “funzione”, cioè attraverso un costante miglioramento della forma – intesa come postura ed armonia delle forme stesse – si viene a migliorare anche la funzione, ovvero il movimento e la mobilità del corpo senza dover sopportare dolori o fastidi.

A partire da questi presupposti, il metodo Méziéres ha lo scopo di curare le persone cercando di ripristinare le simmetrie delle parti del corpo con un lavoro di rieducazione di tipo posturale attraverso esercizi che favoriscano l’allungamento dei muscoli privi di elasticità, la Ginnastica Posturale, appunto.

Nella visione della Méziéres i numerosi muscoli, specialmente quelli posteriori del corpo, si comportano come un unico grande e potente muscolo in grado di deviare la corretta posizione delle vertebre. Questo comportamento venne analizzato dalla Méziéres attraverso uno studio minuzioso dell’anatomia e della cinesiologia (movimento) muscolare, per arrivare a sostenere che ogni muscolo del corpo è collegato all’altro e sovrapposto come le tegole di un tetto, costituendo così diverse “catene muscolari”: catena posteriore, catena anteriore, catena brachiale anteriore e catena anteriore del collo.

Cercare il giusto equilibrio

Le problematiche di natura posturale vengono generate per la maggioranza dei casi dal prevalere di determinate catene rispetto ad altre. Un esempio è quello della catena dorsale utilizzata costantemente durante l’arco della giornata in tutti quei movimenti in cui è richiesto di piegarsi in avanti o sollevare dei pesi. Pertanto, questa catena si troverà sempre in una condizione di ipertonicità (aumento della tensione muscolare) e costante retrazione rispetto alle altre catene.

La differente tonicità delle catene porta con sé l’applicazione di forze antagoniste asimmetriche sulle articolazioni impedendo a queste di lavorare con il giusto equilibrio. Se non debitamente corretta questa situazione può causare tutta una serie di dimorfismi: scoliosi, dorso curvo, iperlordosi ed ipercifosi.

Ginnastica Posturale: a cosa serve ?

La Ginnastica Posturale con il Metodo Méziéres, ha proprio la finalità di operare una correzione allungando le catene retratte e ridonando equilibrio alle varie articolazioni. Per raggiungere questo obiettivo, fisioterapista e paziente devono collaborare in sinergia nell’effettuare specifici esercizi che richiedono rilassamento e concentrazione. Questi esercizi sono caratterizzati da una notevole attenzione alla respirazione, al rilassamento dei muscoli ed al loro progressivo allungamento.

Poiché ognuno di noi ha una propria percezione del proprio corpo, detta “schema corporeo”, il fisioterapista punterà a generare nel paziente la coscienza di quale sia la posizione corretta e dunque il corretto “schema corporeo” che il paziente potrà e dovrà assumere nelle varie attività della vita quotidiana.

Quello della ginnastica posturale è dunque di un percorso che coniuga aspetti corporei e percettivi: infatti l’aumentata percezione (presa di coscienza) del proprio corpo, con la seguente modificazione del proprio “schema corporeo” consentirà di assumere la “forma” più corretta per il proprio corpo e conseguentemente, conseguire, un miglioramento della propria “funzionalità”.

Potrebbero anche interessarti gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Ad ogni età il suo Sport: i consigli SIOT
Ictus e vacanze in alta quota: cosa fare?
Bambini: meno cemento, più salute

Due parole sull'autore

fiorentino@laboratorionomentano.it'

Mauro Cipullo Fiorentino

Il Dott. Mauro Cipullo Fiorentino ha conseguito la laurea in Pedagogia presso l’Università degli Studi di “Roma Tre”. Successivamente, si è laureato in Scienze Motorie e specializzato in Attività Motorie Preventive ed Adattate presso l’Università degli Studi di Roma Foro Italico “Roma 4”. Ha operato in diversi centri fisioterapici in qualità di massofisioterapista, e svolge attualmente la sua attività professionale presso il suo studio di Monterotondo.