Sunday, Oct. 24, 2021

Nelle piastrine i fattori di crescita per una pronta liberazione dal dolore

Pubblicato da :

|

April 15, 2013

|

in:

Nelle piastrine i fattori di crescita per una pronta liberazione dal dolore

I termini “gomito del tennista” e “gomito del golfista” sono di uso comune ed a molti noti, ma meno precisamente collegati all’esatto problema che li causa. Si tratta di due forme molto comuni di tendinite, come quelle che possono interessare anche il tendine d’Achille, gli ischio-crurali, i tendini dei muscoli trocanterici all’anca o degli adduttori al pube, (forse più note come epicondilite ed epitrocleite).

In passato, queste patologie venivano, solitamente, trattate con il riposo, i farmaci antiinfiammatori, le applicazioni di fisioterapia ed esercizi ginnici specifici.

Tendiniti: la cura con le infiltrazioni dei fattori di crescita

Oggigiorno, accanto all’introduzione di nuove terapie fisioterapiche locali più efficaci, quali la tecarterpia, l’ipertermia, l’interix o le onde d’urto, si ricorre alle infiltrazione dei fattori di crescita.

Di che cosa si tratta? Il paziente esegue un normale prelievo di pochi centimetri cubici del proprio sangue venoso, la cui provetta viene quindi introdotta in un’apposita centrifuga che consente di ottenere un concentrato delle piastrine contenute nel sangue. Le piastrine contengono e possono, quindi, rilasciare numerosi fattori di crescita in grado di stimolare la riproduzione di molti tipi di cellule (mesenchimali, staminali, condrociti, osteoblasti…) e di aderire sui tessuti infiammati o danneggiati stimolandone il processo di riparazione.

Tutto ciò a bassi costi, con un’assoluta sicurezza (visto che si tratta di sangue proprio del paziente) e facilità di preparazione e con l’assenza di effetti collaterali. Il loro preciso meccanismo d’azione non e’ ancora del tutto noto, ma nella pratica i risultati del loro rilascio già si vedono.

Basta dunque recarsi in una struttura adeguata e da specialisti qualificati, i quali in ambulatorio, in maniera non invasiva ed in anestesia locale potranno con semplici infiltrazioni, eventualmente guidate dall’ecografia, avviare rapidamente il processo di guarigione di problemi a volte cronici e molto fastidiosi.

Dello stesso autore, potrebbe interessarti “Acceleriamo la guarigione e riduciamo i dolori grazie ai Fattori di Crescita”

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Sciare in sicurezza: ecco i consigli
Inquinamento atmosferico aumenta rischio osteoporosi e fratture
Postura a scuola: i consigli degli ortopedici italiani

Due parole sull'autore

fabiosciarretta@laboratorionomentano.it'

Fabio Sciarretta

Il Dott. Fabio Sciarretta è specializzato in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Chirurgo ortopedico, ha prestato servizio in qualità di dirigente sanitario presso l’Ospedale San Giovanni Battista di Roma, presso il Reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Civile di Velletri e presso l’Ospedale Israelitico di Roma. Svolge attualmente la sua attività professionale presso diverse case di cura romane. E’ stato relatore in oltre 40 congressi nazionali ed internazionali ed ha al suo attivo 38 pubblicazioni.