Wednesday, Feb. 8, 2023

Preservare la fertilità. Ecco come.

Pubblicato da :

|

October 23, 2014

|

in:

Preservare la fertilità. Ecco come.

Cosa fare prima di cercare di avere un figlio ? La cosa più importante da fare è preservare la fertilità della quale la natura ci ha dotato.  Ciò significa prestare attenzione ad alcuni fattori, vediamo quali:

Attenzione agli stili di vita

Porre attenzione agli stili di vitache si sceglie di adottare. Innanzitutto seguire un’alimentazione sana e corretta quale quella propria della Dieta Mediterranea, evitando gli  eccessi di proteine, soprattutto animali, eccessi di grassi, in particolare quelli saturi, preferendo una scarsa presenza di carboidrati con eccesso di zuccheri a rapido assorbimento, che minano silenziosamente il nostro benessere. Un esercizio fisico adeguato che può, ad esempio, consistere in mezz’ora di passeggiata veloce al giorno contribuisce certamente a mantenere equilibrato il nostro metabolismo. Due accorgimenti che predispongono a mantenere il giusto peso corporeo in vista di una gravidanza.

No ad obesità o eccessiva magrezza

Obesità ed eccessiva magrezza: nella donna l’obesità si associa ad alterazioni del ciclo mestruale, aumentato rischio di aborti e complicanze ginecologiche, mentre nell’uomo sembrerebbe che la riduzione del testosterone che spesso si rileva nei soggetti sovrappeso possa essere tra i fattori responsabili di alterazioni del liquido seminale. L’eccessiva magrezza nella donna, specie se causata da disordini alimentari quali l’anoressia, provoca un “bilancio negativo” nel metabolismo e quindi una reazione di “difesa” dell’organismo che alterando o bloccando il ciclo mestruale riduce la possibilità di essere fertili in tali condizioni.

Preservare la fertilità: No a fumo, alcol e stupefacenti

evitare fumo, alcol e stupefacenti: infatti, si tratta di fattori che riducono il livello di fertilità interferendo direttamente con il metabolismo dell’ovaio e del testicolo.  Nella donna c’è un maggior rischio di ritardato concepimento (1 anno), di sviluppo ed impianto dell’embrione e di aborto; in particolare il rischio di infertilità nella donna fumatrice è 1,6 volte maggiore. Nell’uomo molti parametri del liquido seminale risultano alterati, danneggiandosi infatti sia la produzione di testosterone sia la maturazione degli spermatozoi.

SalutePiù e la Dr.ssa Manuela Steffè hanno dedicato una serie di video al tema della Fertilità – Infertilità e dei fattori che la influenzano: clicca sopra e guarda l’introduzione alla playlist

Malattie Sessualmente Trasmesse

Evitare rapporti a rischio che possano causare le cosiddette Malattie Sessualmente Trasmesse.Queste interessano ogni anno circa 350 milioni di persone con un notevolissimo impatto nei paesi industrializzati e non; e sono responsabili di molte complicanze ginecologiche, ostetriche e andrologiche. I giovani adolescenti sono tra le categorie più a rischio. In caso di potenziale contagio, occorre immediatamente effettuare gli accertamenti ed, eventualmente, procedere alla terapia di entrambe i partner.

Monitorare le malattie sistemiche

Monitorare eventuali  malattie “sistemiche” quali diabete, ipertensione, patologie della tiroide. Se insorte in età giovanile infatti risulta fondamentale mantenere il buon compenso di tali patologie affinchè queste non riducano, nel tempo, la naturale fertilità.

Guarda i VIDEO:

E leggi gli articoli:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

Cambiamenti climatici: come impatteranno il futuro?
Perché lavarsi i denti almeno 2 volte al giorno?
Tinture per capelli e tumore al seno: quale relazione?

Due parole sull'autore

manuelasteffe@laboratorionomentano.it'

Manuela Steffe

Medico, specialista in Ostetricia e Ginecologia, da quindici anni svolge la sua attività principale nell’ambito dell’infertilità, della diagnosi alle terapie di 1° e di 2° livello. Co-autrice di 27 lavori originali pubblicati su riviste nazionali ed internazionali. Ha partecipato, quale relatrice, ad 11 congressi presentando lavori originali, tutti di interesse osterico- ginecologico. E’ Responsabile del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita di 1° Livello presso il Laboratorio Clinico Nomentano.