Saturday, Aug. 24, 2019

Rinite Allergica: sintomi, diagnosi e terapia

Pubblicato da :

|

June 6, 2012

|

in:

Rinite Allergica: sintomi, diagnosi e terapia

La rinite allergica è una patologia rilevante per la sua diffusione – probabilmente 2 persone su 10 ne sono affette -  ma anche perché spesso si presenta collegata ad altre patologie (asma, otite, sinusite, poliposi nasale) e può generare ulteriori disturbi. Infatti, essendo il naso in continuità anatomica e funzionale con i seni paranasali e con l’orecchio, l’interessamento pressoché costante dei seni paranasali con un quadro di sinusite e dell’orecchio con la comparsa di otite, mettono  in luce il fatto che la rinite allergica non appartenga solo alla sfera dell’allergologia ma coinvolga anche quella dell’otorinolaringoiatria.

Rinite Allergica: sintomi

Ostruzione nasale,  gocciolamento di tipo acquoso (idrorrea), prurito intranasale (spesso anche congiuntivale e palatale), ostruzione nasale, ripetuti starnuti, sono i sintomi più comuni della rinite allergica. Essa può  così essere definita una malattia infiammatoria della mucosa nasale. A questi sintomi, possono far da contorno cefalea frontale (mal di testa), riduzione dell’olfatto (iposmia) e congiuntivite (lacrimazione, prurito e arrossamento degli occhi).

La rinite è scatenata da allergeni quali pollini, acari della polvere, muffe, peli di animali domestici ma aggravata da diversi fattori tra cui fumo, aria fredda, odori forti.

Rinite Allergica: la diagnosi

La visita dall’ otorinolaringoiatra  metterà in evidenza una mucosa nasale tipicamente pallida (cioè di colorito roseo), con ipertrofia (cioè ingrandimento dei turbinati nasali), con presenza di secrezioni nasali chiare e fluide ed a volte di polipi nasali. Questi ultimi sono strutture di consistenza molle di aspetto gelatinoso che provengono dall’eccessivo rigonfiamento della mucosa nasale sotto lo stimolo degli allergeni.

La rinite, spesso, si associa ad altri fenomeni allergici: congiuntivite allergica,  problemi cutanei (dermatite allergica) e, soprattutto, asma. Infatti, oltre il 70% di coloro che soffrono di rinite allergica, svilupperanno nel corso della vita un asma. rinite allergica SalutePiùLa correlazione tra rinite allergica ed asma è dovuta al fatto che le strutture microscopiche del naso e dei bronchi sono molto simili e l’infiammazione si manifesta con il medesimo meccanismo.

Inoltre le secrezioni nasali causate dalla rinite provocano uno scolo continuo nel rinofaringe (post nasal drip) e di lì verso le strutture tracheo-bronchiali che scatenano e alimentano il fenomeno asmatico.

E’ dunque comprensibile come sia necessaria, oltre alla valutazione allergologica (Prick Test e RAST), anche la collaborazione tra le due branche specialistiche di Allergologia ed Otorinolaringoiatria per valutare globalmente il paziente e stabilire un’ottimale iter terapeutico.

L’iter diagnostico

In sintesi, l’iter diagnostico completo in un paziente che mostri i sintomi della rinite è:

  1. test allergometrici cutanei (cliccando, potrai vedere il Video Test Allergologici o Test Cutanei)
  2. visita otorinolaringoiatrica con fibrorinolaringoscopia ed eventuale rinomanometria. La fibrorinolaringoscopia è un esame importante per la visualizzazione delle modificazioni all’interno del naso dovute all’infiammazione (ipertrofia dei turbinati, poliposi nasale, ecc.)
  3. visita pneumolgica
  4. spirometria con test bronco dinamici (cliccando, potrai vedere il Video La Spirometria in pratica)

Eventualmente, la richiesta degli specialisti potrà essere quella di una TAC del Massiccio Facciale ed una radiografia standard del torace.

Rinite Allergica: la terapia

L’uso di farmaci quali antinfiammatori, antistaminici, ecc. migliora notevolmente la sintomatologia. Inoltre, l’adozione di alcune norme comportamentali aumenta l’efficacia del trattamento e la qualità della vita per il paziente. Per sapere quali esse siano leggete l’articolo Allergie, i comportamenti che aiutano a combatterle.

Ha contribuito alla stesura di questo articolo la dottoressa Marzia Ruggeri

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

In Italia negli ultimi 40 anni l’aria è più pulita
Rapporto Fumo OMS: ancora 1.1 miliardi di fumatori al mondo
Sigaretta elettronica e IQOS: quali sono i danni?

Due parole sull'autore

marcogarufibozza@laboratorionomentano.it'

Marco Garufi Bozza

Il Dottor Marco Garufi Bozza si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ove, sempre con il massimo dei voti, ha anche conseguito le specializzazioni in Tisiologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio ed in Medicina del Lavoro. Ha partecipato e presentato relazioni in numerosi congressi scientifici nazionali ed internazionali. Svolge la sua attività professionale presso numerose strutture mediche della Capitale ed è il Responsabile della Branca di Allergologia e Pneumologia del Poliambulatorio Specialistico “Laboratorio Clinico Nomentano” di Monterotondo.