Tuesday, Aug. 20, 2019

BPCO: fate attenzione ai sintomi

Pubblicato da :

|

March 8, 2013

|

in:

BPCO: fate attenzione ai sintomi

Tosse, catarro, fatica a respirare, in genere l’ostruzione delle “vie aree”, possono essere sintomi di una malattia che spesso tende ad essere ignorata fino a quando non arriva ad uno stadio avanzato. Si tratta della BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva), ovvero una malattia dei polmoni progressiva, non completamente reversibile. “Progressiva” significa che continua ad aggravarsi se la persona permane esposta ai fattori nocivi che la generano; “non reversibile” significa che non è possibile guarirne completamente ma che una parte dei danni provocati resteranno sempre a carico del paziente. Il fattore più grave nel generare la BPCO è il fumo (sigaretta, sigaro, pipa, fumo passivo) ma anche polveri ed agenti chimici quali vapori, irritanti e fumi.

BPCO: che fare ?

Dunque, è buona norma consultare uno specialista pneumologo qualora si avvertano i sintomi della BPCO onde poter eventualmente diagnosticare la malattia e curarla attraverso trattamenti farmacologici (broncodilatatori, ecc.) e non (riabilitazione respiratoria, ossigeno-terapia, ecc.).

I danni del fumo vanno però oltre la BPCO per interessare anche l’apparato cardiocircolatorio: infatti la nicotina genera l’“ipertensione”, ovvero l’aumento della pressione arteriosa, e l’aterosclerosi, cioè la formazione di placche all’interno dei vasi che ne riducono il calibro e possono portare ad infarto ed ictus.

Un protocollo integrato per bronchi e cuore

Pertanto, è indicato per chi avverta i sintomi della BPCO sottoporsi ad uno screening che valuti congiuntamente lo stato di salute di bronchi e polmoni bpcopolmoni e del sistema cardiocircolatorio.

Un simile protocollo integrato si compone di alcuni esami esami pneumologici (spirometria, pulsossimetria e carbossimetria) i quali consentono la valutazione funzionale del respiro, della ossigenazione del sangue e della eventuale intossicazione di monossido di carbonio nei fumatori, e di un elettrocardiogramma per la valutazione dello stato del cuore. La consulenza clinica del medico pneumologo consentirà poi di valutare i risultati degli esami e di definire un eventuale percorso terapeutico.

Clicca e guarda il VIDEO:

Share

Condivi questo articolo:

Potrebbero anche interessarti:

In Italia negli ultimi 40 anni l’aria è più pulita
Rapporto Fumo OMS: ancora 1.1 miliardi di fumatori al mondo
Sigaretta elettronica e IQOS: quali sono i danni?

Due parole sull'autore

marcogarufibozza@laboratorionomentano.it'

Marco Garufi Bozza

Il Dottor Marco Garufi Bozza si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ove, sempre con il massimo dei voti, ha anche conseguito le specializzazioni in Tisiologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio ed in Medicina del Lavoro. Ha partecipato e presentato relazioni in numerosi congressi scientifici nazionali ed internazionali. Svolge la sua attività professionale presso numerose strutture mediche della Capitale ed è il Responsabile della Branca di Allergologia e Pneumologia del Poliambulatorio Specialistico “Laboratorio Clinico Nomentano” di Monterotondo.